27/03/2023 - 22:20

Mangiare mandorle prima dei pasti potrebbe fermare l’evolversi del pre-diabete

Salute

Due nuovi studi rivelano: uno spuntino a base di mandorle prima dei pasti può migliorare i livelli di glicemia nelle persone con prediabete.Quasi un quarto dei partecipanti ha inoltre invertito la tendenza tornando alla normale regolazione del glucosio.

Mangiare mandorle prima dei pasti potrebbe fermare l’evolversi del pre-diabete

Due nuove ricerche sul consumo di mandorle[1]-[2], una condotta nell'arco di tre giorni e l’altra nell’arco di tre mesi, hanno dimostrato benefici nel controllo della glicemia in persone affette da prediabete e sovrappeso/obesità.

Inoltre, l’indagine della durata di tre mesi ha aperto nuove vie: è emersa una regressione del prediabete, o intolleranza al glucosio, a livelli glicemici normali in quasi un quarto (23,3%) delle persone studiate.

In entrambi gli studi, 60 persone hanno mangiato 20g di mandorle, una piccola manciata, 30 minuti prima di colazione, pranzo e cena per tutta la durata dello studio. I ricercatori hanno espresso il loro entusiasmo per questi studi sulle mandorle – che hanno evidenziato la prima riduzione statisticamente significativa degli indicatori del prediabete - definendo l’inversione del prediabete attraverso la dieta come l’aver trovato “il Santo Graal della medicina”. Un migliore controllo del glucosio nel tempo attraverso strategie dietetiche come l'inclusione delle mandorle potrebbe aiutare a prevenire la progressione del diabete. Quasi il 70% delle persone con prediabete sviluppa il diabete nel corso della propria vita.

Entrambi gli studi, controllati randomizzati, sono finanziati da Almond Board of California. I ricercatori hanno ipotizzato che lo spuntino di mandorle prima dei pasti principali, noto come “precarico”, ridurrebbe le fluttuazioni di glucosio e insulina dopo i pasti e ridurrebbe l'iperglicemia complessiva, rispetto alla dieta di controllo. Questi risultati si aggiungono a un’ampia base di ricerca su diverse popolazioni dedicata al ruolo delle mandorle, come parte di una dieta equilibrata, nel supportare normali livelli di glicemia.

“I risultati dei nostri studi indicano che le mandorle, come parte di una strategia dietetica, potrebbero rappresentare un elemento chiave per aiutare a regolare i livelli di glucosio nel sangue. I dati raccolti dimostrano che la semplice aggiunta di una piccola porzione di mandorle prima di ogni pasto può migliorare rapidamente e drasticamente il controllo glicemico in persone con prediabete in soli tre giorni. Il consumo di 20 g di mandorle 30 minuti prima di un carico orale di glucosio ha comportato una significativa riduzione della glicemia e degli ormoni. Il profilo nutrizionale delle mandorle, composto da fibre, grassi monoinsaturi, zinco e magnesio, contribuisce a migliorare il controllo glicemico e a ridurre il senso di fame”, ha dichiarato il dottor Anoop Misra, autore principale della ricerca e professore e presidente del Fortis-C-DOC Centre of Excellence for Diabetes, Metabolic Diseases and Endocrinology (Nuova Delhi). “I nostri risultati forniscono una strategia dietetica promettente per ridurre la progressione del prediabete e riportare le persone alla normale regolazione del glucosio”.

“Alla luce della crescente prevalenza del diabete, strategie dietetiche come il consumo di mandorle 30 minuti prima dei pasti principali rappresentano una buona opzione per ridurre il picco dei livelli di glucosio nel sangue dopo i pasti”, ha dichiarato invece la dottoressa Seema Gulati, responsabile del gruppo di ricerca sulla nutrizione della National Diabetes, Obesity, and Cholesterol Foundation.

Lo studio a lungo termine

Lo studio, della durata di tre mesi, è stato condotto su adulti indiani asiatici in sovrappeso o obesi in condizione di prediabete. I partecipanti sono stati randomizzati nel gruppo di trattamento con mandorle o nel gruppo di controllo, ed entrambi hanno ricevuto consigli su dieta ed esercizio fisico, nonché glucometri per uso domestico per misurare i loro livelli di glucosio, che sono stati registrati nei diari insieme all’assunzione dietetica e all’esercizio fisico.

Le misure dello studio comprendevano una varietà di dati antropometrici: peso corporeo; circonferenze di vita, fianchi e braccia; pliche cutanee di posizioni abituali del corpo; e stime del grasso corporeo. Le misure biochimiche includevano insulina, glicemia, emoglobina A1c, peptide C, glucagone, proinsulina, proteina C-reattiva ad alta sensibilità, fattore di necrosi tumorale alfa e lipidi.

Mangiare 20g di mandorle prima di colazione, pranzo e cena, per tre mesi, ha portato a riduzioni statisticamente significative nel peso corporeo, nell’indice di massa corporea, nella circonferenza vita, nei test delle pliche cutanee per la spalla e zone dell’anca, nonché una migliore forza di presa della mano. Allo stesso modo, sono state osservate riduzioni per glicemia a digiuno, insulina postprandiale, emoglobina A1c, proinsulina, colesterolo totale, colesterolo LDL e lipoproteine a densità molto bassa. È importante sottolineare che non si sono verificati cambiamenti nel colesterolo HDL (buono), il che significa che questo lipide cardioprotettivo è stato mantenuto nonostante altre alterazioni biochimiche osservate.

Questi sostanziali miglioramenti metabolici hanno portato quasi un quarto (23,3%) dei partecipanti allo studio sul prediabete a tornare alla normale regolazione della glicemia. Questi risultati sono significativi per la salute pubblica globale data la prevalenza del diabete, i preoccupanti tassi di progressione dal prediabete al diabete e sono particolarmente rilevanti per gli indiani asiatici in India, che sono colpiti in modo sproporzionato a causa della loro maggiore tendenza a progredire dal prediabete al diabete.

I ricercatori ritengono che i nutrienti nelle mandorle possano svolgere un ruolo nei benefici per la salute osservati nel contesto dello studio. “La combinazione naturale di acidi grassi monoinsaturi e fibre solubili potrebbe essere responsabile degli esiti metabolici positivi”, ha affermato il dott. Misra. “Le mandorle possono rallentare lo svuotamento dello stomaco, il che potrebbe aiutare le persone a ingerire meno cibo e meno calorie per una migliore gestione del peso, che è importante per aiutare a invertire il corso del prediabete e tornare alla normale regolazione della glicemia”.

Sebbene i risultati siano estremamente promettenti, i ricercatori hanno notato alcune limitazioni, tra cui la dimensione del campione relativamente piccola e il periodo di intervento limitato. Hanno anche notato che lo studio includeva indiani asiatici che avevano un prediabete ben controllato e che i ricercatori non possono estrapolare lo stesso impatto di un carico pre-pasto di mandorle nei partecipanti con diabete di tipo 2. Potrebbe essere utile includere partecipanti con stati metabolici scarsamente controllati e quelli con diabete.

Lo studio a breve termine

Parte 1: test di tolleranza al glucosio orale di un giorno (OGTT): i partecipanti sono stati prima divisi in due gruppi di 30. Il primo gruppo ha consumato una porzione di 20g di mandorle. Il secondo gruppo non ha ricevuto mandorle ed entrambi i gruppi hanno sostenuto un OGTT.

Parte 2: monitoraggio della glicemia per tre giorni: utilizzando un sistema di monitoraggio continuo della glicemia (CGMS), i ricercatori hanno confrontato gli effetti glicemici del precarico di tre pasti al giorno (colazione, pranzo, cena) con 20g di mandorle per tre giorni consecutivi in 60 partecipanti, con i dati dei partecipanti senza il precarico di mandorle.

Al termine dello studio a breve termine, i ricercatori hanno scoperto che gli indicatori di iperglicemia, come glicemia, insulina sierica, glucagone e peptide C (solo risultati OGTT) erano inferiori per il gruppo delle mandorle rispetto al gruppo di controllo. C'è stata una diminuzione del 18,05% nei livelli di PPBG, il che indica una migliore regolazione delle risposte glicemiche tra i consumatori di mandorle.

In sintesi, con entrambi gli studi, il dottor Misra e i suoi colleghi hanno scoperto che i partecipanti che hanno mangiato 20g di mandorle 30 minuti prima di un pasto hanno mostrato miglioramenti significativi nel controllo glicemico rispetto al non mangiare mandorle prima dei pasti in un arco temporale di tre mesi. Le mandorle possono essere incluse in un regime dietetico nutriente che offre un buon potenziale per l’inversione dal prediabete alla normale regolazione del glucosio in alcuni indiani asiatici, e quindi potenzialmente prevenire o ritardare lo sviluppo del diabete nelle persone con prediabete.

Lo studio del dottor Misra e del suo team si aggiunge a oltre 25 anni di ricerche sui potenziali effetti benefici delle mandorle, e dei nutrienti in esse contenuti, per la salute e per diverse patologie, tra le quali il diabete.

Ulteriori evidenze in tema di Mandorle e diabete

Uno studio[3] altrettanto recente, guidata dal dottor Viswanathan Mohan, PhD, DSc, President and chief of diabetes research presso la Madras Diabetes Research Foundation di Chennai (India), ha evidenziato come mangiare mandorle ogni giorno per 12 settimane riduca l’insulino-resistenza, migliori la funzione pancreatica e aiuti a controllare i livelli di glucosio nel sangue.

Inoltre, nel corso dell’indagine il gruppo di trattamento con mandorle ha visto riduzioni significative del peso corporeo, dell'indice di massa corporea (BMI) e della circonferenza vita, oltre che dei livelli di colesterolo totale.

“I partecipanti del gruppo mandorle hanno avuto miglioramenti sia nel peso corporeo che nella glicemia", ha affermato il dott. Mohan. “L'obesità è un problema globale, una condizione che aumenta il rischio di malattie croniche, come il diabete di tipo 2. Sappiamo anche che si tratta di un problema complesso, strettamente legato al diabete, e pensiamo di aver individuato una soluzione piuttosto semplice: chiedere alle persone di consumare mandorle invece di altri snack può aiutarle a gestire il peso e ridurre il fardello del diabete”.

Nel complesso, il profilo nutrizionale delle mandorle – a basso indice glicemico e capaci di assicurare un’importante varietà di nutrienti per porzione da 30 grammi, tra cui proteine ​​(6 g), fibre alimentari (4 g), grassi buoni, e importanti vitamine e minerali come la vitamina E (7,7 mg), magnesio (81 mg) e potassio (220 mg) - le rende uno spuntino smart ed energizzante per chi soffre di prediabete o diabete di tipo 2, semplice da includere in un piano alimentare sano.

ALMOND BOARD OF CALIFORNIA

Le mandorle della California rendono la vita migliore, anche per come vengono coltivate. L’Almond Board of California promuove mandorle naturali, salutari e di qualità attraverso la leadership nello sviluppo strategico del mercato, nella ricerca innovativa e nella pronta adozione delle best practice del settore per conto degli oltre 7.600 coltivatori e trasformatori di mandorle in California, molti dei quali sono coltivatori da generazioni. Fondato nel 1950 e con sede a Modesto, in California, l’Almond Board of California è un Federal Marketing Order senza scopo di lucro promosso dai coltivatori che opera sotto la supervisione del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti.

 

NOTE

[1] Gulati, S., Misra, A., Tiwari, R., Sharma, M., Pandey, R. M., Upadhyay, A. D., & Sati, H. C. (2023). Beneficial effects of premeal almond load on glucose profile on oral glucose tolerance and continuous glucose monitoring: randomized crossover trials in Asian Indians with prediabetes. European Journal of Clinical Nutrition. https://doi.org/10.1038/s41430-023-01263-1

[2] Gulati, S., Misra, A., Tiwari, R., Sharma, M., Pandey, R. M., Upadhyay, A. D., & Sati, H. C. (2023). Premeal almond load decreases postprandial glycaemia, adiposity and reversed prediabetes to normoglycemia: a randomized controlled trial. Clinical Nutrition ESPEN, 54, 12-22. 

[3] Gayathri, R., Abirami, K., Kalpana, N., Manasa, V. S., Sudha, V., Shobana, S., Jeevan, R. G., Kavitha, V., Parkavi, K., Anjana, R. M., Unnikrishnan, R., Gokulakrishnan, K., Beatrice, D. A., Krishnaswamy, K., Pradeepa, R., Mattes, R., Salas-Salvado, J., Willett, W., & Mohan, V. (2023). Effect of almond consumption on insulin sensitivity and serum lipids among Asian Indian adults with overweight and obesity—A randomized controlled trial. Frontiers in Nutrition. DOI: 10.3389/fnut.2022.1055923

 

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati