28/11/2022 - 13:00

Rapporto Euromobility: è Bologna la città più eco-mobile d’Italia

L’evento ha ospitato la 22a edizione della Conferenza Nazionale sul Mobility Management e la 6a Conferenza sui Piani Urbani di Mobilità Sostenibile. Bologna la città più sostenibile. La più insostenibile è Catania, seguita da Potenza e Sassari.

 

Rapporto Euromobility

Bologna conquista il primo posto del podio per la mobilità sostenibile, a seguire Torino e Firenze, al quarto posto Milano seguita da Parma. Roma soltanto al diciassettesimo posto. Le più insostenibili sono Catania, Potenza e Sassari. Prato si conferma la città con più auto di recente immatricolazione, mentre ad Ancona sono quasi il 26% di auto a basso impatto, GPL, metano, ibride o elettriche. In crescita le ciclabili, con Reggio Emilia che si mantiene saldamente al primo posto, e purtroppo anche l’indice di mortalità sulle strade, con L’Aquila che si conferma maglia nera, mentre Aosta e Catanzaro che, con zero morti, sono le città più sicure d’Italia. Questi i risultati del “Sedicesimo rapporto di Euromobility sulla mobilità sostenibile nelle principali 50 città italiane”, che premia le azioni messe in campo nelle città, come i sempre più diffusi sistemi di sharing, in particolare la quantità di auto, bici, scooter e monopattini a disposizione dei cittadini.
 
Il pomeriggio di giovedì 24 novembre, dopo i saluti del Presidente di Euromobility Lorenzo Bertuccio e di Sara Venturoni di RFI, main sponsor dell’evento, la sesta Conferenza Nazionale sui Piani Urbani di Mobilità sostenibile ha affrontato il tema dello stretto legame tra pianificazione urbanistica e mobilità, grazie ai contributi di Giuseppe Inturri e Andrea Spinosa, concentrandosi poi sulle risorse del PNRR per la mobilità, con l’intervento di Francesca Romagnoli. Napoli, Santarcangelo di Romagna, Brescia e Torino sono invece le città che hanno portato la loro esperienza sul campo.  
La 22a Conferenza sul Mobility Management  oltre che presentare alcuni servizi di eccellenza per la mobilità urbana, ha ospitato anche una prima tavola rotonda tra mobility manager aziendali, con INVITALIA, e Gruppo Sole24ore, e una seconda tra mobility manager di area, con Roma, Bolzano e Genova e la presenza di Matteo Colleoni, Presidente del Tavolo Tecnico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.  
 
“Questo riconoscimento – afferma l’assessora alla Nuova mobilità Valentina Orioli – è certamente motivo di orgoglio per il Comune ma non ci rende appagati. Soddisfatti perché anche a livello nazionale vengono riconosciuti i nostri sforzi per avere una mobilità sempre più sostenibile in città, siamo consapevoli che ancora molto c’è da fare ed anche per questo abbiamo lanciato Bologna città 30. Un grande progetto che non porterà solo nuovi limiti di velocità ma renderà la città più a misura delle persone con più spazi per muoversi in sicurezza, una città meno inquinata e rumorosa e sempre più sostenibile”.

 
Paolo Rumiz, vincitore dell’edizione 2022 del Premio Pensieri&Pedali, ha confermato come viaggiare in bicicletta, così come a piedi, ci consenta di percepire la “voce della strada” e amplificare la dimensione acustica del viaggio.  La lentezza del percorso in bicicletta, insomma - secondo Rumiz - dilata enormemente le capacità recettive e sensoriali dell’orecchio, consentendoci così anche di ascoltare tutti coloro che incontriamo durante il nostro viaggio. Che per chi scrive, come Paolo, è come una manna dal cielo.
Hanno patrocinato l’evento il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Confindustria-ANCMA, Legambiente e FIAB. Main Sponsor dell’evento RFI – Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. Sostengono l’evento anche Kinto, Pirelli CYCL-e around™, Teralytics, Babilot, Sottosopra Comunicazione, SCRAT, We City e Deverse.
 
Tutti i dati e i record città per città sono disponibili all’indirizzo: www.euromobility.org/sedicesimo-rapporto-euromobility

Marilisa Romagno
autore

condividi su