26/09/2022 - 11:20

Alternative eco-friendly all’acqua nelle bottiglie di plastica

Ambiente e sostenibilità

Il problema della plastica
acqua di rubinetto [Foto di Jonas KIM da Pixabay]
Il problema della plastica

La plastica, come è noto, è un materiale non biodegradabile. Con l'usura del tempo, ogni pezzo di plastica si disintegra in micro-particelle che finiscono per lo più in mare, dove possono essere ingerite dagli animali marini, entrando così in circolo nella catena alimentare. Per questo motivo l’Unione Europea è in prima linea nella lotta contro l’inquinamento da plastica e dal 3 luglio 2021 ha bandito l’immissione di nuovi prodotti realizzati in plastica monouso come piatti, posate, cannucce.

Ma oltre alla plastica usa e getta, un’altra possibile fonte di inquinamento è costituita dagli imballaggi e tra questi spiccano le bottiglie di plastica. Gli italiani, in particolare, sono i secondi più grandi consumatori al mondo di acqua minerale in bottiglia, con 208 litri pro capite consumati all’anno contro una media europea di 118 litri. E così fin troppo spesso ci troviamo a bere dell’acqua imbottigliata senza renderci conto del potenziale impatto che questo gesto può avere sull’ambiente.

Nel corso degli ultimi decenni, visto che le acque pubbliche italiane sono spesso ottime da bere e non hanno nulla da invidiare a quelle imbottigliate, sempre più Comuni e aziende si sono prodigati per progettare e realizzare soluzioni eco sostenibili che vanno a limitare l’utilizzo della plastica. Dall’aumento delle fontanelle pubbliche ai depuratori dell’acqua di rubinetto, dalle borracce riutilizzabili alle sfere di gelatina. Vediamo insieme queste alternative ecologiche alle bottiglie in plastica.

L'acqua del rubinetto

Alcuni italiani spesso guardano con sospetto l’acqua del rubinetto, considerandola di scarsa qualità o peggio, poco controllata.
Si tratta, però, di un pregiudizio che non ha alcun fondamento: infatti, in caso di approvvigionamento da un acquedotto pubblico, l’acqua è potabile e di alta qualità perché sottoposta ad un processo di potabilizzazione, come disciplina la normativa vigente.  Attualmente, circa la metà della popolazione maggiorenne italiana, il 47%, dichiara di bere sempre o quasi sempre l'acqua potabile del rubinetto, in casa e fuori casa. Complice la pandemia, nell’ultimo anno ben tre italiani su quattro hanno bevuto acqua del rubinetto (trattata e non), con un tasso di crescita di oltre il 5%.

Le fontanelle pubbliche

Le fontanelle pubbliche non sono solo funzionali, ma sono anche dei manufatti che in alcuni casi diventano simbolo delle nostre città: si pensi al forte potere evocativo che hanno ad esempio i caratteristici Nasoni di Roma, i Torèt di Torino o le Vedovelle di Milano.
È possibile addirittura scaricare e utilizzare delle app per bere acqua con funzionalità diverse: dalla mappatura dei punti idrici - che può essere un valido aiuto per individuare la fontanella più vicina – al monitoraggio dell’idratazione giornaliera.
Insomma le fontanelle pubbliche non sono solo protagoniste delle nostre città, ma rappresentano anche una risorsa da dover sfruttare al meglio.

Le borracce in acciaio, alluminio e vetro

Le borracce – che possono avere caratteristiche differenti in base al materiale con cui sono realizzate - sono un valido alleato per evitare di utilizzare le bottiglie di plastica.
Le borracce in acciaio e in alluminio sono pratiche, durature e riescono a mantenere ad una temperatura ideale l’acqua o le nostre bibite preferite, come succhi o infusi.
Tra quelle più vendute troviamo quelle in vetro, sebbene siano più fragili e allo stesso tempo più pesanti rispetto a quelle in acciaio. Aspetto positivo è sicuramente la facilità con cui possono essere pulite e l’estetica di maggiore impatto rispetto ai prodotti in acciaio o in alluminio.
È evidente il successo che le borracce stanno raccogliendo, soprattutto rispetto a pochi anni fa. Questo è uno dei segni che indica che la consapevolezza verso le tematiche ambientali degli utenti sta crescendo in modo significativo.

Le sfere di gelatina

Queste piccole bolle biodegradabili a base di estratti vegetali e alghe potrebbero rappresentare un'ottima soluzione per dissetarsi senza lasciare residui inquinanti. La membrana che riveste queste bolle è infatti commestibile. Ad oggi tuttavia non esiste ancora una produzione su larga scala, per cui bisognerà aspettare ancora un po' prima di vedere questa soluzione tra gli scaffali dei nostri supermercati.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati
  • acqua [Foto di Manuel Darío Fuentes Hernández da Pixabay]
    Leggi
    22/09/2022 - 18:25
    Ambiente
    Acqua, italiani secondi al mondo per consumo di quella in bottiglia

    Utilitalia: “L’acqua del rubinetto è sicura, ecologica ed economica”. Ma siamo secondi solo al Messico per consumo di acqua in bottiglia. Ogni italiano beve 208 litri di acqua in bottiglia in un anno: siamo primi in Europa, dove la media è di 106 litri Con 30 milioni di bottiglie di...

  • Guida Enea risparmio acqua
    Leggi
    07/07/2022 - 14:15
    Efficienza
    Risparmio idrico. La guida Enea per non sprecare acqua

    Per contrastare lo spreco di acqua e rendere più sostenibile la sua gestione, ENEA ha elaborato una guida in 20 punti con suggerimenti e buone pratiche, errori da evitare, ma anche soluzioni e tecnologie per il risparmio idrico (ed energetico), soprattutto in ambito residenziale. Parole d’ordine:...

  • spreco acqua - Foto di Rajesh Balouria da Pixabay
    Leggi
    07/07/2022 - 15:42
    Agroalimentare
    Crisi idrica: il consumo d’acqua e gli sprechi alimentari

    L’attuale emergenza idrica impone agli stati europei di ragionare sugli innumerevoli utilizzi dell’acqua nelle attività umane. È stato calcolato che gli sprechi di più vasta entità non vengono causati dalle utenze domestiche ma dall’industria alimentare.

  • Leggi
    07/08/2017 - 00:32
    Salute
    Gruppo CAP: qualità dell’acqua milanese controllata h24

    Un milione e 200mila euro a supporto del Water Safety Plan che nel frattempo si estende sui territori di Bussero, Cassina de’ Pecchi e Cernusco sul Naviglio