09/03/2021 - 11:52

weTree: dalle donne un patto verde e un appello per dare nuovo respiro al mondo post pandemia

Un progetto per un nuovo equilibrio tra uomini e natura, un patto che nasce dalle donne e vuole coinvolgere tutti i cittadini. weTree ha obiettivi ambiziosi: realizzare aree verdi nelle città italiane e intitolarle a donne che si sono distinte con le loro attività per una società migliore; ma anche diffondere buone pratiche ambientali.

weTree

Torino, Milano, Palermo e Perugia sono le città “green” che per prime hanno sposato il progetto e si sono messe in rete: qui si sta già lavorando ad altrettanti boschi urbani. Ilaria Borletti Buitoni e Maria Lodovica Gullino, promotrici di weTree, insieme a Ilaria Capua, che è anche ambassador del progetto, chiedono alle sindache e ai sindaci italiani di sottoscrivere il progetto e impegnarsi in azioni concrete; tra i primi firmatari, il primo cittadino di Milano, Beppe Sala. Le piante costituiscono l’80% del cibo che mangiamo e producono il 98% dell’ossigeno che respiriamo. La pandemia ha rafforzato una consapevolezza: la nostra salute e quella del pianeta vanno a braccetto, anche e soprattutto in città, tanto che la diffusione e le conseguenze del covid-19 parrebbero essere influenzate dalla qualità dell’aria. La natura inizia finalmente a essere considerata uno dei pilastri dell’equilibrio urbano. La salute dell’uomo non riguarda solo quest’ultimo: nutrendoci di altre forme di vita, se queste non sono sane tutto ciò ricade sul nostro benessere. È necessario rispettare equilibri e circolarità determinanti per la sopravvivenza del sistema.
 
Dall’incontro tra donne, e tra le loro idee e iniziative che hanno al centro la sostenibilità e le pari opportunità, nasce weTree: Ilaria Capua, scienziata e direttrice del Centro di Eccellenza One Health dell’Università della Florida, Ilaria Borletti Buitoni, presidente weTree e vicepresidente del FAI, Maria Lodovica Gullino direttore del centro Agroinnova dell’Univeristà di Torino, sono le sostenitrici di questo progetto che ha l’ambizione di replicarsi a catena su tutto il territorio nazionale. Ambiziosi gli obiettivi: in primis stimolare una consapevolezza ambientale in prospettiva circolare realizzando aree verdi intitolate a donne “virtuose” che si sono impegnate per una società migliore; e così a Torino nascerà il Bosco degli altri intitolato a Lia Varesio, a Milano il Vivaio Bicocca ospiterà il Bosco delle STEM, a Palermo l’Orto Botanico verrà ampliato, a Perugia si interverrà sui cipressi intorno al Tempio di Sant’Arcangelo.

Il progetto vuole poi coinvolgere i cittadini in prima persona, incentivando la creazione di altrettanti comitati cittadini per sollecitare le amministrazioni comunali a sottoscrivere il patto rivolto ai singoli e raccogliere le forze per promuovere nuove aree verdi nelle loro città. Il cuore del progetto è racchiuso e sintetizzato nel suo Patto: otto punti essenziali, otto azioni concrete per sostenere una rinnovata sostenibilità e la rinascita delle nostre società; perché prendersi cura delle piante non significa soltanto tutelare l'ambiente ma anche prevenire le malattie dell’uomo, ridurre la povertà e dare impulso allo sviluppo economico. Le portavoci di weTree chiedono a tutti i Sindaci di sottoscrivere questo patto, che è un vero e proprio impegno verso l’ambiente. I primi ad accogliere questo appello sono stati il sindaco di Milano Beppe Sala, la sindaca di Torino Chiara Appendino, il sindaco di Perugia Andrea Romizi e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

Inoltre, weTree collabora con AWorld, la startup italiana che ha sviluppato l’omonima app scelta dalle Nazioni Unite per promuovere ActNow, la campagna per contrastare la crisi climatica con le azioni individuali. All’interno dell’app è stato creato un team "Salute Circolare" che offre contenuti esclusivi, e una sfida “weTree” con l'obiettivo di coinvolgere più persone possibili. L'App offre infatti un'esperienza interattiva ricca di consigli e suggerisce azioni concrete e misurabili. Le iniziative personali si sommeranno alle piantumazioni di alberi weTree e moltiplicheranno l’impatto positivo dell'iniziativa, contribuendo attivamente alla salvaguardia del Pianeta.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Roma: aree verdi pubbliche in adozione

    La Giunta Comunale ha approvato la proposta dell'assessore all'Ambiente Fabio De Lillo per riqualificare le aree verdi pubbliche, garantire la manutenzione e aumentare la qualità dei servizi attraverso la sponsorizzazione di privati.

  • Penso in Verde
    Leggi
    24/10/2018 - 11:43
    Ambiente
    Penso in Verde: nuovi alberi per riqualificare le aree verdi d’Italia

    ABenergie, avvia un progetto volto alla riqualificazione delle aree verdi italiane Penso in Verde. L’iniziativa parte da un’area del Parco Nord di Milano per estendersi ad altre aree e parchi in tutta Italia.

  • Leggi
    03/06/2013 - 14:30
    Ambiente
    La natura in città: la attività di monitoraggio dei boschi urbani

    Un ceck-up sullo stato di salute delle foreste urbane è il punto di partenza per salvaguardare e valorizzare i boschi urbani, i grandi polmoni verdi naturali nati, per lo più, a seguito di importanti progetti di riforestazione che negli ultimi trent'anni hanno trasformato le aree degradate delle...

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Puglia: un nuovo bando per boschi urbani

    È stato presentato stamane dagli assessori regionali alle Risorse Agroalimentari Dario Stefàno e all'Assetto del Territorio, Paesaggio e Aree Protette Angela Barbanente l'innovativo bando per dotare i comuni della Puglia di "boschi urbani" al posto di aree urbane di fatto non utilizzate.