13/07/2017 - 19:38

wekiwi tra i fornitori digital più convenienti nel settore energia

wekiwi, prima webcompany dell’energia in Italia, fa parte del Gruppo Tremagi ed è stata lanciata nell’aprile dello scorso anno. Ha chiuso il 2016 con un fatturato pari a circa 1 milione di euro e una previsione (sulla base dei contratti in essere) di circa 6 milioni di euro per il 2017.
Puntare su strumenti web conviene anche nell'energia.

Ad oggi poco meno di 10.000 clienti hanno aderito all’offerta web di wekiwi e di questi poco più di 5.000 sono già attivi in fornitura ma il dato più significativo sono i “subentri”: il 47% delle adesioni totale. 

“Una percentuale molto alta che dimostra come, chi entra in un nuovo locale o abitazione e ha la necessità di riattivare un contatore chiuso, si rivolga al web e trovi lì tutti gli strumenti di confronto necessari a scegliere un fornitore” – sostiene Massimo Bello AD wekiwi, che continua – “Un contatore da riattivare è una necessità impellente e wekiwi si è dimostrata snella e veloce nel gestire questo tipo di pratiche evitando attese prolungate ai clienti”.
 
Il 43% degli utenti wekiwi ha un’età compresa tra i 35 e 49 anni e ciò dimostra e conferma che il web, come fornitore di servizi, sia utilizzato in maniera privilegiata e quasi esclusiva non solo dai Millennials, ma da quella fascia di popolazione che è indipendente economicamente e che ha raggiunto una consapevolezza maggiore nella possibilità di avere servizi di qualità con un abbattimento dei costi. 

A tal proposito è indicativo che il 25% degli utenti di wekiwi ha tra 50 e 64 anni. 
In merito al genere, si registra un 62% degli utenti di sesso maschile.
 
Wekiwi, fin dal momento del lancio, si è posizionata sempre ai primi posti nelle classifiche di convenienza nella fornitura di energia elettrica e gas dei più accreditati siti online di comparazione, grazie ad una strategia innovativa rivelatasi vincente, basata su quattro pilastri:
- Nessun intermediario di tipo tradizionale, come agenzie porta a porta o telemarketing
- Utilizzo della Carica “prepagata”, primo esempio nel settore dell’energia, per evitare di ricevere fatture stimate in maniera arbitraria dal fornitore
- Attenzione all'ambiente ed eliminazione della stampa di documenti cartacei e incentivazione verso l'utilizzo di strumenti web quali app, area riservata del sito, email e social media
- Educazione della clientela con l’introduzione di strumenti software e hardware per conoscere e controllare i propri consumi, oltre a un blog di informazioni utili per il risparmio
- L’esperienza wekiwi conferma che la scelta di posizionarsi nel mercato in modo innovativo e diverso dalla concorrenza offre ai Clienti finali una scelta chiara e in linea con le ultime normative di settore.

Infatti è significativo sottolineare che di recente il regolatore del settore energetico (Aeegsi – delibera 738/2016) ha emanato i criteri in base ai quali oggi è possibile concepire offerte con pagamento anticipato nell’energia e wekiwi rispetta a pieno tali criteri.

I 5.000 Clienti wekiwi attivi ne sono la testimonianza e è indicativo che il 90% delle forniture siano domestiche, ossia del singolo consumatore sempre più attento e sensibile nelle sue scelte di acquisto.

Un trend che ha permesso a wekiwi di contrattualizzare 600 nuovi clienti domestici al mese, oltre a numerose aziende di primario standing interessate all’innovazione degli strumenti di monitoraggio e all’energia rinnovabile, come le Gelaterie Grom, Pasta Reggia, Groupalia, Panino Giusto, Ospedale Fatebenefratelli, Talent Garden, Rattiflora, Casa Vinicola Natale Verga, aziende con cui wekiwi ha lavorato anche per attivare iniziative di partnership sui social media.
Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati