15/10/2015 - 19:49

Comitato delle Regioni e ANCI insieme a EXPO per abbattere gli sprechi alimentari, garantire il diritto al cibo, promuovere la sostenibilità alimentare

Dopo mesi di lavoro sulla definizione di obiettivi condivisi tra città e regioni italiane ed europee in materia di politiche alimentari, l'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) e il Comitato Europeo delle Regioni (CdR) partecipano oggi e domani al lancio del Patto Urbano per le Politiche Alimentari e alla firma della Carta di Milano all'EXPO.

"Siamo impegnati a definire una strategia condivisa per aumentare la sostenibilità della produzione e del consumo di cibo, ridurre lo spreco alimentare su scala globale e garantire l'accesso al cibo, all'acqua e all'energia pulita quale diritto fondamentale dei cittadini".
Questo il messaggio del Presidente del CDR Markku Markkula giunto oggi all'EXPO di Milano in rappresentanza degli enti locali e regionali dell'Unione Europea.

"L'EXPO potrebbe davvero segnare un punto di svolta in questa sfida, per questo il Comitato Europeo delle Regioni ha adottato una risoluzione sulla sostenibilità alimentare che sarà allegata alla Carta di Milano, e sta lavorando per mobilitare città ed enti locali di tutta Europa nel dare attuazione agli impegni che stiamo assumendo insieme ad amministratori locali di tutto il mondo".

Sulla stessa linea il sindaco di Torino Piero Fassino, presidente ANCI e membro del CdR, che oggi a Milano ha aperto il seminario "Città e regioni dell'UE per una politica dell'alimentazione sostenibile" organizzato da CdR, ANCI e Rappresentanza della Commissione Europea a Milano: "Siamo di fronte ad una crescente assunzione di responsabilità nei confronti della sostenibilità alimentare e ambientale da parte dei cittadini e di tanti amministratori locali che hanno adottato queste priorità nel loro lavoro quotidiano. Per questo a Torino abbiamo deciso di inserire il diritto al cibo nello Statuto della città".

Il seminario di oggi ha anticipato il "Summit dei sindaci", promosso dalla città di Milano, che ha visto cento città capitali di tutto il mondo siglare il Patto Urbano per le Politiche Alimentari, un'iniziativa sostenuta attivamente anche dal Comitato Europeo delle Regioni.

"La Carta di Milano e il Patto dei Sindaci per le politiche alimentari possano davvero aiutarci a tradurre in azioni concrete questi valori. Per questo Il Comitato delle Regioni e la Commissione europea si sono mobilitati fornendo il massimo sostegno istituzionale e un contributo di merito qualificato a queste iniziative" ha concluso Fassino.

“L’alimentazione sostenibile è una grande questione mondiale, trasversale ad altre tematiche come cambiamenti climatici, povertà o l’immigrazione. Le azioni devono coinvolgere i governi mondiali, nazionali e locali per intrecciare una proposta condivisa ed efficace, al fine di dare quelle risposte che attendono milioni di persone in tutto il mondo”, ha detto Enzo Bianco, sindaco di Catania e capo della Delegazione italiana al CdR. “Oggi nel mondo occidentale è cambiato l’approccio e si parla sempre più di qualità e di identità dell’alimentazione e si percepisce l’alimentazione come elemento qualificante nel rapporto tra uomo e natura” ha concluso Bianco.

Insieme a lui stamattina Raffaele Cattaneo, Presidente del Consiglio regionale Lombardia e Presidente commissione Coesione Territoriale del CdR e diversi altri membri del Comitato tra cui Georgios Kaminis, Sindaco di Atene, Inigo De La Serna, Sindaco di  Santander e Vice Presidente dell' associazione spagnola di comuni e province, e Micaela Fanelli, sindaco di Riccia e coordinatore dei membri ANCI al CdR.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati