16/12/2017 - 16:45

Conclusi gli Stati Generali su Idrogeno e Celle a Combustibile

European Fuel Cell Technology Conference: imprenditoria, ricerca e società civile in favore dell'idrogeno ma il mondo politico che fa?

Il processo di decarbonizzazione è in atto e inarrestabile. L'imprenditoria, il mondo accademico, la ricerca  e la società civile italiane si sono schierate in favore dell'innovazione e del benessere del Pianeta, sono pronte alla conversione alle energie alternative e ai trasporti a idrogeno e la European Fuel Cell Technology & Applications Conference ne è la rinnovata conferma. 

Toyota Mirai Angelo Moreno

Il processo di decarbonizzazione è in atto e inarrestabile. L'imprenditoria, il mondo accademico, la ricerca  e la società civile italiane si sono schierate in favore dell'innovazione e del benessere del Pianeta, sono pronte alla conversione alle energie alternative e ai trasporti a idrogeno e la European Fuel Cell Technology & Applications Conference ne è la rinnovata conferma. 

La parola ora passa al mondo politico affinché garantisca il supporto programmatico ed economico necessari per la realizzazione delle infrastrutture perché la transizione verso un trasporto sostenibile a zero emissioni possa iniziare al più presto in maniera concreta.

Gli Stati Generali idrogeno e celle a combustibile organizzati a Napoli da Atena Distretto Alta Tecnologia Energia Ambiente, Enea, Università di Napoli Parthenope e Università di Perugia, stanno volgendo alla sessione conclusiva dopo aver dato voce ai principali stakeholder del settore sul Piano Nazionale Idrogeno, sulla strategia energetica nazionale e la mobilità sostenibile.

“In Italia sono stati approvati, a gennaio del 2017, i piani nazionali per la realizzazione delle infrastrutture dei combustibili alternativi. Uno di questi, ufficialmente approvato dal Governo, è l’idrogeno. Da questo punto di vista siamo sicuramente allineati con l’Europa ma il programma, che prevede 20 stazioni al 2020, oggi non ha nessun tipo di sostegno economico” a dichiaralo è Angelo Moreno, presidente dell'Associazione italiana idrogeno e celle a combustibile (H2IT).

E continua il presidente: “L’Italia potrebbe rischiare di essere in ritardo e di essere multata dall’Europa per non aver rispettato i programmi”.

Lo scorso 5 dicembre da Bruxelles è partito l'European Hydrogen Tour il viaggio della Hyundai IX35 e della Toyota Mirai alimentate a idrogeno, attraverso l’Europa per diffondere il messaggio delle energie alternative e della mobilità sostenibile.

Arrivate in Italia il proseguimento del viaggio è stato possibile solo grazie alla disponibilità di alcuni produttori privati che hanno assicurato il pieno di idrogeno alle auto. Attualmente nel nostro Paese l’unico distributore pubblico di idrogeno per fare il pieno alle auto si trova a Bolzano.

“Siamo in grado di produrre l’idrogeno, 600.000 metri cubi di idrogeno vengono prodotti e distribuiti ogni anno. Sono in fase di realizzazione altri impianti in Liguria e nel Lazio, grazie a fondi europei e alla capacità degli amministratori locali di superare tutti gli ostacoli, finanziari e burocratici per sostenere l'idrogeno. Ma non esiste un 'Piano-Paese', queste iniziative rischiano di essere isolate”, aggiunge Angelo Moreno.

L'Italia ha già molte eccellenze nel campo dell’idrogeno e delle celle a combustibile con potenzialità competitive a livello mondiale.

L'esempio riportato dal presidente H2IT è quello di Solid Power “un esempio incredibile che ha saputo gestire e triplicare finanziamenti pubblici. Hanno iniziato in tre,  oggi risultano impiegati  quasi 200 operatori. Dall’anno prossimo sarà in funzione una unità produttiva che creerà almeno altri 80 posti di lavoro ai quali si aggiungono quelli che si genereranno nell’indotto. Sarà un insediamento,  unico in Europa, capace di realizzare in serie  sistemi domestici di piccola taglia per la produzione di energia e calore per le abitazioni, con un’efficienza elettrica garantita di almeno il 60 %  – e conclude – non esistono molte società di questo genere al mondo. Sono anche approdati”in America dove hanno concluso un accordo con Microsoft". 

"Investimenti importanti sono in programma anche per la cantieristica", come conferma Rodolfo Taccani del Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell'Università di Trieste.
Non soltanto approvvigionamento energetico e trasporto su strada, anche il settore della cantieristica navale ha concentrato gli sforzi perché si volga presto verso un trasporto navale a energia pulita e zero emissioni.

L'innovazione portata dall'idrogeno può contribuire in maniera sostanziale, ma occorre ora il supporto normativo. 

Barbara Bosio, docente dell'Università degli Studi di Genova, dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica e Ambientale è componente del gruppo di lavoro nazionale guidato dalla Capitaneria di Porto italiana, del quale fanno parte anche l'università di Genova, Fincantieri è il delegato IMO (International Maritime Organization), sezione ONU, per l'applicazione a livello mondiale delle fuel cell: “L'applicazione delle celle a combustibili porta benefici da un punto di vista ambientale e contribuisce a superare limiti imposti nelle aree protette e nei porti perché hanno alti rendimenti e non inquinano. Le difficoltà sono rappresentate dalla mancanza di legislazione che supporti questa innovazione. Ma ci sono i presupposti perché si sblocchi tutto in tempi brevi”. 

Maggiori informazioni al link: www.europeanfuelcell.it

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati
  • Emissioni zero. Hyundai punta sulla mobilità sostenibile a idrogeno
    Leggi
    02/11/2019 - 14:10
    Mobilità
    Emissioni zero. Hyundai punta sulla mobilità sostenibile a idrogeno

    Hyundai investirà in Impact Coatings, H2Pro e GRZ Technologies per le celle a combustibile e per la produzione e lo stoccaggio di idrogeno. Gli investimenti rafforzeranno la leadership di Hyundai nell’idrogeno con un’infrastruttura ampliata e una produzione efficiente di FCEV.

  • Toyota Mirai
    Leggi
    18/01/2017 - 11:51
    Mobilità
    Combustibili alternativi: idrogeno inserito nel piano strategico nazionale italiano

    Importante traguardo per l’Italia: anche l’idrogeno tra i carburanti alternativi per lo sviluppo di una migliore mobilità sostenibile. - Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva DAFI 2014/94/UE che inserisce l’idrogeno nel piano strategico nazionale...

  • Leggi
    15/09/2016 - 11:30
    Mobilità
    Scania e Asko testano l'idrogeno per gli autocarri con motore elettrico

    Asko, il principale grossista di beni di largo consumo norvegese, continua ad investire in servizi di trasporto sostenibile. L’azienda, al fianco di Scania, è pronta a testare autocarri con motore elettrico estremamente innovativi. In particolare, si tratta di veicoli in cui l’energia chimica dell’...

  • Toyota consegna il primo bus a idrogeno alla città di Tokyo
    Leggi
    26/02/2017 - 11:10
    Mobilità
    Toyota consegna il primo bus a idrogeno alla città di Tokyo

    Toyota Motor Corporation ha consegnato lo scorso 24 febbraio 2017 il primo autobus equipaggiato con celle a combustibile (FC Bus) al Bureau of Transportation del Tokyo Metropolitan Government. Il mezzo (un Toyota FC Bus) inizierà a percorrere la linea Toei a partire dal mese di marzo insieme ad un...