18/11/2017 - 11:49

Agricoltura sociale. "Chi semina tramanda": Coltivatori di Emozioni, la piattaforma di digital farming tutta italiana

Coltivatori di Emozioni è una piattaforma di digital farming tutta italiana che consente di coltivare e ricevere a distanza i prodotti tipici della nostra terra, sostenendo il territorio, l’ambiente e le tradizioni del nostro Paese. 

Agricoltura sociale. Coltivatori di Emozioni nasce con lo scopo di avvicinare il consumatore alla natura e alle attività agricole rendendolo partecipe del ciclo biologico e dandogli la possibilità di gustare un prodotto sano e genuino ottenuto attraverso coltivazioni che non utilizzano prodotti chimici dannosi. 

Agricoltura sociale. "Chi semina tramanda": Coltivatori di Emozioni, la piattaforma di digital farming tutta italiana

Molteplici gli scopi dell’iniziativa Coltivatori di Emozioni, ideata e realizzata dall’imprenditore Paolo Galloso, responsabile Centro Studi Federazione ANIMA e docente di microeconomia: promuovere la nascita di un nuovo ciclo di produzione responsabile in grado di dare vita a prodotti genuini, proteggere le tradizioni e la natura, sostenere le microeconomie locali, creando opportunità di lavoro per i giovani, i disoccupati e gli emarginati.

Nonostante il grosso impatto economico dell’agricoltura, l’Italia si contraddistingue per il gran numero di terreni incolti e abbandonati: ben 3 milioni e mezzo gli ettari di terreno inutilizzati.

Attraverso Coltivatori di emozioni, questi terreni possono tornare a nuova vita e produrre reddito, realizzando una forma di agricoltura che si ispira ai principi della sostenibilità ambientale e della condivisione.

Il progetto infatti, attraverso la pratica della digital farm, consente di sostenere e promuovere le piccole e medie imprese che vogliano recuperare le tradizioni agricole e la coltivazione dei terreni.

 

Coltivatori di Emozioni per le Istituzioni

Le amministrazioni pubbliche, le istituzioni e le associazioni possono utilizzare gli strumenti forniti dal progetto in azioni di riqualificazione e recupero delle aree rurali abbandonate e di valorizzazione del territorio.

Coltivatori di emozioni aiuta le PA a promuovere i propri prodotti tipici e il turismo enogastronomico, attraverso la realizzazione e promozione di pacchetti di adozione virtuale dei prodotti tipici locali

Ad oggi, patrocinano l’iniziativa: Regione Puglia, Comune di Novoli, GAL Valle della Cupa, Fondazione Emmanuel (Centro temporanea permanenza richiedenti protezione internazionale), Stati generali dell’innovazione, Comunità Montana Oltrepò Pavese e Gal Etna Sud.

 

Coltivatori di Emozioni per le Aziende

Il progetto si rivolge alle aziende del settore food & beverage che attraverso il portale possono promuovere i propri prodotti, ma anche a tutte quelle aziende che vogliono offrire ai propri clienti prodotti di qualità e, contemporaneamente, rafforzare la propria responsabilità sociale. Molte e diversificate le soluzioni di green marketing offerte alle imprese che possono scegliere la coltivazione, il territorio e i prodotti più in linea con la propria mission.

Ad oggi, queste le aziende partner: CNH industrial, Epson italia, GMT Spa, Food Loft, Cresme Ricerche, Delta ITS, Virgilio Finance, CasaIitalia, Personalive, Bacaro, Marketbar , Theoria, Wedo, eprcomunicazione.

 

Come coltivare emozioni

Direttamente dal sito www.coltivatoridiemozioni.com è possibile “adottare la natura”, un coltivo a scelta tra ulivi, filari per il vino, arnie e frumento.

Così anche chi vive in città può divenire “proprietario” di una coltivazione, seguirne l’andamento vegetativo stagionale e infine ricevere a casa e gustare ciò che la terra produce.

Le tipologie di adozione sono quattro e azionano un contatore visibile direttamente sul sito: mille unità adottate equivalgono a un nuovo posto di lavoro. Si va dall’adozione semplice, all’opzione “adotta e assapora” che permette di ricevere anche un assaggio del prodotto. Scegliendo invece “adotta e cresci” è possibile seguire il ciclo produttivo e ricevere direttamente a casa i prodotti (vino, olio, miele).

Infine, “adotta e vivi un’emozione” che offre la possibilità di trascorrere una giornata a contatto con la natura nell’azienda agricola che ha in cura i coltivi adottati.

Al termine di ogni transazione, il sistema rilascia il Certificato di Adozione, un atto simbolico che suggella il patto con la natura. 

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati