03/12/2012 - 11:00

Risparmio energetico, gli italiani dicono sì alle fonti alternative

Sondaggio Ener20 sulla propensione degli italiani al risparmio energetico. Più di un terzo degli intervistati è favorevole alla diffusione di massa del fotovoltaico.
Il tema energetico si rifà spesso e volentieri ai continui rincari che i consumatori italiani si trovano addebitati in bolletta, motivo per cui argomento comune e pratica molto diffusa sta diventando il confrontare le tariffe energia più convenientiper riuscire a stipulare il contratto meno oneroso.
Non è solo la questione economica ad interessare i nostri connazionali: il 37% degli italiani auspica una maggiore diffusione di impianti di produzione di energia pulita. È il sorprendente risultato della ricerca effettuata da Nextplora per Ener20, società leader nel campo dell'installazione di impianti fotovoltaici.

È proprio il fotovoltaico la tecnologia che riscuote maggior successo, con una percentuale ancora maggiore fra gli uomini, favorevoli al 41%. I fautori più convinti dell'importanza delle fonti alternative hanno un'età compresa fra i 35 e i 45 anni (40%), risiedono al Sud e nelle isole (41%), in comuni medi o grandi (42%).

Non mancano anche le altre fonti rinnovabili: eolico, geotermico e biomasse sono le iniziative più incisive per ridurre l'impatto ambientale secondo il 37% delle donne intervistate e il 31% degli uomini. Al terzo posto si colloca l'auto elettrica: in un Paese che sembra non saper vivere senza le quattroruote, il 30% degli intervistati (soprattutto giovani fra i 18 e i 24 anni) crede sia meglio almeno usare modelli non inquinanti. Riscuotono meno successo, ma sono comunque temi noti ai più, l'utilizzo degli elettrodomestici in orari notturni (5%) e la stipula di contratti per la fornitura di energia verde (4%).

"Quando si parla di consumo consapevole dell'energia e di attenzione all'impatto ambientale, in Italia non mancano certo le idee. Gli italiani si mostrano sempre propensi e attenti alla tematica nonostante, d'altra parte, la realizzazione dei progetti sia sempre più difficile”, ha commentato Gianluca Lancellotti, Amministratore Delegato di Ener20. "Da tempo il tema della salvaguardia dell'ambiente è diventata uno strumento di marketing per molte aziende che in realtà producono elettricità inquinando. Noi, invece, attraverso le nostre offerte e i nostri servizi vogliamo diffondere la cultura del rispetto ambientale, impegnandoci per uno sviluppo davvero sostenibile".
SuperMoney
autore

condividi su