13/10/2022 - 18:10

Nasce Bosco Ferrari, l’azione di forestazione urbana di Ferrari

Nasce "Bosco Ferrari", l’azione concreta di tutela ambientale di Ferrari nell'ambito della campagna Foresta Italia promossa dall'impresa sociale Rete Clima.

 

Bosco Ferrari, forestazione urbana

Ferrari dà il via all’iniziativa “Bosco Ferrari”: il primo step di questo percorso è un progetto di forestazione urbana nel Comune di Maranello realizzato in collaborazione con Rete Clima, impresa sociale non profit che promuove azioni di sostenibilità̀ e di decarbonizzazione a favore delle aziende. La forestazione nell’area di Maranello è la prima tappa di un progetto di sostegno alle foreste nazionali nell’ambito della Campagna Foresta Italia, che prevede la nuova forestazione di 30 ettari in provincia di Modena.

A Maranello, prima foresta di questo percorso, verrà realizzato un Querco-Carpineto di sei ettari, una formazione forestale tipica della pianura padana: verranno piantate specie arboree e arbustive autoctone, nate da semi certificati, coltivate in vivai locali per due anni e selezionate accuratamente al fine di ricreare un ecosistema adatto. Il nuovo bosco sarà inserito in un’area verde più ampia, attrezzata e fruibile dai cittadini, che verrà realizzata tra il 2022 e il 2023 anche grazie al supporto di Ferrari.  Le giovani piante saranno curate da Rete Clima per i prossimi tre anni. Gli alberi sono attori importanti per il benessere e la qualità della vita di tutti: contribuiscono al contrasto al riscaldamento climatico assorbendo CO2 atmosferica, sequestrano particolato atmosferico, operano la regimazione delle acque di pioggia, permettono un incremento della biodiversità, comportano una diminuzione dell’isola di calore urbana, migliorano il paesaggio, offrono funzioni fruitive e ricreative per i cittadini.

“L’avvio di questa importante collaborazione con Ferrari, azienda iconica in Italia e nel mondo, è per noi motivo di grande orgoglio e di soddisfazione – afferma Paolo Viganò, Presidente e co-fondatore di Rete Clima – Il progetto Bosco Ferrari si costituisce come un esempio virtuoso di forestazione sul territorio nazionale, uno tra i più grandi progetti realizzati in Italia da una azienda privata, frutto di una visione orientata alla valorizzazione del territorio locale, alla generazione dei servizi ecosistemici e alla mitigazione climatica. L’intervento di forestazione che si è svolto oggi per la piantagione dei primi 200 alberi e arbusti ha visto coinvolti l’Amministratore Delegato di Ferrari Benedetto Vigna insieme al Ferrari Leadership Team, al Sindaco di Maranello Luigi Zironi e a due classi di quinta superiore dell’ISS Alfredo Ferrari di Maranello. 

“Le attività di forestazione di Rete Clima – afferma Andrea Pellegatta, Vicepresidente e co-fondatore di Rete Clima – prevedono la piantagione e coltivazione per tre anni di piante autoctone, appartenenti a diverse specie arboree e arbustive, tipiche dell’Ecoregione della Pianura Padana. 
Le piante sono coltivate nei vivai locali perché lo scopo dei progetti è anche quello di valorizzare la filiera florovivaistica italiana. Tutte le piante sono inoltre accompagnate da passaporto fitosanitario, che garantisce il controllo, la tracciabilita e l’assenza di malattie la cui diffusione potrebbe causare gravi danni economici ed ambientali”

La Campagna Foresta Italia
Rete Clima opera come ente non profit da oltre 10 anni e realizza progetti di nuova forestazione urbana nazionale aperti al finanziamento delle aziende. Le attività di forestazione della campagna Foresta Italia prevedono la piantagione e la cura post- impianto per tre anni (ad esempio la bagnatura) di alberi sul territorio italiano, ossia la coltivazione accurata e continuativa delle piante messe a dimora; queste attività di rinaturalizzazione territoriale generano molti benefici ambientali e sociali, migliorando la salute e la sensibilità delle persone coinvolte.
La campagna Foresta Italia prevede la piantagione di piante autoctone, appartenenti a diverse specie arboree e arbustive adatte alle zone d’intervento. Si tratta di piante coltivate nei vivai locali e certificate, accompagnate da passaporto fitosanitario che ne garantisce il controllo, la tracciabilità e l’assenza di malattie, la cui diffusione potrebbe causare gravi danni economici e ambientali. La Campagna Nazionale Foresta Italia, promossa da Rete Clima in partnership con Coldiretti e PEFC, ha ricevuto il patrocinio morale del MITE (Ministero della Transizione Ecologica) e del MIPAAF (Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali) per il suo alto valore ambientale.

Marilisa Romagno
autore

condividi su