Sabato, 25 ottobre 2014 - Ore 03:22
Alternativa Sostenibile: Ambiente
             
Emissioni co224 Giugno 2011 - 10:31
NOTIZIE - Letto: 510 volte

Emissioni: 72 aziende chiedono di alzare la soglia al 30%


Per preservare la competitività europea e costruire una economia a basso tasso di carbonio, l'Europa deve aumentare le proprie ambizioni sul clima: questa la richiesta di 72 aziende leader europee che hanno sottoscritto una dichiarazione che chiede all'Unione Europea di portare il target di riduzione delle emissioni del 30% rispetto a quelle del 1990.

  • Condividi

Il target europeo attuale di riduzione delle emissioni è del 20%. Messe insieme, le imprese firmatarie contano oltre 3 milioni e ottocento mila lavoratori, con un fatturato annuo di oltre 1000 miliardi di euro, una somma superiore al PIL totale di Polonia, Svezia e Austria insieme. Le aziende firmatarie sono di diverso profilo, e ciascuna affronta sfide e problemi diversi sia sui cambiamenti climatici che nella competizione internazionale. Impegnandosi a essere una parte costruttiva della soluzione ai cambiamenti climatici, stanno dimostrando la propria lungimiranza economica che parte dal presupposto che i numerosi vantaggi di una rapida transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio sono superiori ai costi di riduzione delle emissioni. Le aziende chiedono un quadro politico europeo che stimoli l'innovazione e gli investimenti, per esempio, nelle energie rinnovabili e nell'efficienza energetica per garantire la sicurezza energetica europea.

Le importazioni di petrolio e di gas potrebbero essere ridotte di 45 miliardi e mezzo di euro nel 2020; l'uso delle fonti rinnovabili e l'efficienza energetica potrebbe ancora di più ridurre la dipendenza dell'economia dalle importazioni e la vulnerabilità ai prezzi dei combustibili fossili tanto da arrivare a un risparmio di 600 miliardi di euro o più all'anno entro il 2050. Il finanziamento di tale investimento potrebbero provenire dagli stessi strumenti mossi dal target sul clima,
come la messa all'asta delle quote di emissione (Emission Trading Scheme) : si stima che più forti politiche di energia pulita potrebbe contribuire ad aumentare gli investimenti cumulati della UE del 20% tra il 2010 e il 2020. I 72 firmatari hanno anche sottolineato che l'incremento delle ambizioni sul clima contribuirà alla creazione di nuovi posti di lavoro diretti e indiretti. Nel complesso, un quadro di politiche climatiche più forte potrebbe risultare in un aumento netto di 6 milioni di posti di lavoro in Europa 2020.

di Tommaso Tautonico

GLI EVENTI IN SCADENZA
Testata iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 - Direttore responsabile: Andrea Pietrarota
Copyright 2014 Alternativa Sostenibile. All Rights Reserved