22/11/2018 - 12:18

Economia circolare. ANPAR: potenziare il riciclo dei rifiuti edili

Previsti nuovi punti di raccolta per i rifiuti edili per aumentare il riciclo e garantire maggiore trasparenza. 

rifiuti edili - rifiuti ineri - rifiuti da demolizioni e ristrutturazioni - anpar

Una normativa ambientale prevedrà la creazione di punti di raccolta per i rifiuti provenienti dai piccoli cantieri, presso i magazzini edili. Emergeranno flussi prima nell’ombra.

Economia circolare, sostenibilità ambientale e raccolta differenziata dei rifiuti inerti.

"Da anni attendevamo una norma che regolasse la raccolta differenziata dei rifiuti inerti provenienti dalle piccole demolizioni e ristrutturazioni: diverse migliaia di tonnellate di materiali che potrebbero essere recuperate e che oggi, nella maggioranza dei casi, vanno invece disperse, diventando un costo per i cittadini e per l’ambiente. 
La realizzazione di una rete di raccolta delle microdemolizioni presso i magazzini edili è un obiettivo che ha visto impegnata la nostra Associazione per molti anni, da ultimo con un tavolo di lavoro che ha visto coinvolto tutte le associazioni di categoria del settore, col supporto del Centro Materia Rinnovabile, nel confronto con rappresentanti parlamentari, Ministero dell’Ambiente e Ispra".

E’ questo il commento di Paolo Barberi, Presidente ANPAR – Associazione Nazionale Produttori Aggregati Riciclati, all’inserimento nella Legge di Delegazione Europea 2018 (il provvedimento che fissa i criteri di delega al governo per il recepimento del Pacchetto Economia Circolare) di un articolo che apre la strada a nuove e importanti soluzioni per migliorare la raccolta dei rifiuti da costruzione e demolizione; grazie all’intervento dell’Onorevole Stefano Vignaroli, si prevede che un apposito decreto stabilirà la possibilità di creare punti di raccolta presso i rivenditori di materiali per l’edilizia, al fine di promuovere meccanismi di raccolta differenziata e garantire maggiore tracciabilità dei rifiuti provenienti dai piccoli cantieri.

Il Ministero dell’Ambiente disciplinerà le procedure per questa nuova rete di raccolta a supporto delle attività di riciclo e del modello di Circular Economy.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati