03/04/2014 - 15:00

E' arrivata la stagione delle tartarughe ad Aruba!

Sulle bellissime spiagge dell'isola di Aruba si potrà assistere, fino a novembre, ad un emozionante spettacolo della natura. Madre Natura avrà il suo da fare ad Aruba nei prossimi mesi, con tutte questi piccoli di tartaruga pronti a prendere il largo dalle favolose coste dell'Isola.
In tutto il mondo diverse specie di tartarughe di mare sono in pericolo di estinzione, ma molte di queste hanno trovato un riparo sicuro per poter deporre le proprie uova. L'Isola di Aruba è diventata nel corso degli anni il luogo di nidificazione preferito per le specie di tartaruga liuto, tartaruga embricata, tartaruga verde e tartaruga marina. Per salvaguardare e proteggere la vita di queste specie e dei loro piccoli, è stata fondata nel 2003 la Fondazione Turtugaruba, membro del più ampio network della Wider Caribbean Sea Turtle Conservation.

Le tartarughe ritornano anno dopo anno a depositare le uova e i volontari di Turtugaruba sanno esattamente dove andare a cercare per poter trovare, monitorare e proteggere i loro nidi, principalmente localizzati a Eagle Beach, Boca Grandi e nell'Arikok National Park. La stagione della nidificazione va da marzo a settembre, mentre la schiusa delle uova avviene da maggio a novembre, in particolare nell'area dei resort low-rise. In questo periodo i visitatori dell'isola potranno essere testimoni di uno dei più emozionanti spettacoli di sempre: la schiusa delle uova e il cammino dei piccoli di tartaruga verso il mare. Ecco alcuni consigli per chi avrà l'occasione di recarsi sull'isola e assistere allo spettacolo:

-Spegnere le luci: le attività notturne e le luci artificiali potrebbero impedire alle femmine adulte di nidificare o disorientare i piccoli appena nati, spingendoli verso l'interno dell'isola dove potrebbero morire di disidratazione o essere investiti dalle auto. Pertanto è importante spegnere le luci e soprattutto non utilizzare il flash delle macchine fotografiche.
-Non guidare e gettare immondizia sulla spiaggia: i veicoli compattano la sabbia e rendono difficile per le tartarughe scavare. Inoltre, sacchetti di plastica, bottiglie o altri rifiuti non biodegradabili potrebbero essere scambiati per cibo dalle tartarughe.
-Rimuovere gli ostacoli dalla spiaggia: ostacoli come attrezzature da spiaggia o ricreative potrebbero intrappolare le femmine adulte o i piccoli appena nati.
-Mantenere le distanze dai nidi e dai piccoli: è importante osservare lo spettacolo della schiusa delle uova da lontano. Lasciate che i piccoli restino nel loro nido fino a quando non si sentiranno pronti per uscire, e, anche in quel momento, è importante lasciare che si incamminino da soli vero il mare, senza forzarli o aiutarli. Rispettando queste semplice accortezze potrete assistere allo spettacolo senza disturbare le tartarughe, che sapranno regalarvi un'emozione e un ricordo indelebile che arricchiranno ancora di più la vostra esperienza sull'isola.
Marilisa Romagno
autore

condividi su