24/07/2017 - 14:32

Carta e cartone: dal 2018 il contributo Conai passa a dieci euro per tonnellata

Il Consiglio di amministrazione CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, sentito il parere di Comieco, Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, ha deliberato un adeguamento del Contributo Ambientale CONAI per gli imballaggi di carta e cartone. A partire dal 1° gennaio 2018 entrerà, quindi, in vigore il nuovo contributo ambientale per gli imballaggi in carta che passa da 4 a 10 € a tonnellata.
Sostenibilità ambientale ed economia circolare. Dal primo gennaio 2018 entra in vigore il nuovo contributo ambientale CONAI per la carta e il cartone, pari a 10 euro a tonnellata.

Dopo una serie di rilevanti riduzioni nel decennio passato, il Contributo Ambientale (CAC) per carta e cartone torna a livelli fisiologici al fine di mantenere l’equilibrio tra ricavi e costi derivanti dall’adempimento dell’accordo ANCI-CONAI 2014-19 che prevede un corrispettivo per la raccolta degli imballaggi da versare ai Comuni.

L’adeguamento si è reso necessario per garantire ai 5.519 Comuni italiani in convenzione (con la copertura dell’80% della popolazione) le risorse utili a finanziare la raccolta differenziata di carta e cartone in modo costante ed entro i termini di pagamenti previsti dall’accordo ANCI-CONAI.

Il Contributo Ambientale versato dagli utilizzatori a Comieco rimane attualmente per carta e cartone il più basso in Europa.

Come Consorzio di filiera nell'ambito del sistema CONAI, Comieco, ha sempre operato come garante dell'avvio a riciclo di carta e cartone, accompagnando di fatto lo sviluppo della raccolta differenziata di tutta Italia, isole comprese. 

I numeri ne sono la prova: in un ventennio sono oltre 1,4 i miliardi di euro corrisposti ai Comuni in convenzione (102 milioni di euro solo nel 2016) per l’avvio a riciclo di oltre 28 milioni di tonnellate di carta e cartone.

Dall'entrata in vigore del decreto Ronchi (D. Lgs. 22/97), l’Italia del riciclo di carta e cartone ha compiuto importanti passi avanti: in quasi 20 anni i volumi di carta e cartone raccolti sono più che triplicati, passando da 1 a oltre 3 milioni di tonnellate annue, riuscendo a sottrarre allo smaltimento in discarica più di 45 milioni di tonnellate di rifiuti cellulosici e raggiungendo pienamente gli obiettivi di recupero e riciclo previsti dalla normativa europea.


Comieco (www.comieco.org) è il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, nato nel 1985 dalla volontà di un gruppo di aziende del settore cartario interessate a promuovere il concetto di “imballaggio ecologico”, costituitosi in Consorzio Nazionale nell’ambito del sistema consortile Conai per la gestione degli imballaggi con l’entrata in vigore del D.Lgs. 22/97. 

La finalità principale del Consorzio è il raggiungimento, attraverso una incisiva politica di prevenzione e di sviluppo della raccolta differenziata di carta e cartone, dell’obiettivo di riciclaggio dei rifiuti di imballaggi cellulosici previsto dalla normativa europea (direttiva 2004/12/CE che ha integrato e modificato la direttiva 94/62/CE). 

Comieco è tra i fondatori del neo-costituito Consiglio nazionale della green economy, formato da 53 organizzazioni di imprese, nato a febbraio 2013 per dare impulso allo sviluppo dell’economia verde in Italia.
Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati