02/09/2016 - 17:29

Basta plastica: solo stoviglie biodegradabili nelle mense delle scuole di Milano

Niente più plastica nelle scuole milanesi. Milano è infatti la prima città italiana a vantare un servizio di refezione scolastica ecologicamente responsabile al 100%.
Da questo settembre i piatti e i bicchieri usati per servire i pasti agli alunni degli istituti d'infanzia, primari e secondari della città saranno tutti in materiale biodegradabile e compostabile.
 
Negli istituti scolastici del capoluogo lombardo l'introduzione di piatti biodegradabili e compostabili ebbe inizio nel gennaio 2015, con la sostituzione graduale di tutti i piatti sia nelle mense delle scuole primarie e secondarie. Mancavano all'appello le scuole dell'Infanzia, nonché bicchieri e coppette per tutta l'utenza. Ora, cogliendo l'occasione del nuovo appalto per il servizio di somministrazione dei pasti, il Comune ha deciso di introdurre, tra gli elementi di novità, la fornitura dell'intero set di stoviglie, privilegiando, con punteggi più alti, chi proponesse materiali sostenibili.
 
Questa scelta virtuosa, si legge sul sito del Comune di Milano, determinerà un'ulteriore e definitiva drastica diminuzione del consumo di plastica nelle mense scolastiche milanesi: più di 12,3 milioni di bicchieri, 8,5 milioni di piatti e 5 milioni di coppette, il tutto per più di 200 mila kg di plastica. Dall'inizio del settembre 2012, quando i contenitori in acciaio per il trasporto dei pasti hanno sostituito quelli in polipropilene, l'ambiente ha beneficiato della sottrazione di 520 mila kg, ai quali si aggiungeranno i 200 mila del prossimo autunno, per un totale di 720 mila kg annui di plastica risparmiati, spiega ancora il Comune. 
 
"Sono bastati meno di due anni e il risultato, sulle tavole dei bambini, è stato conseguito: con il prossimo autunno si completerà l'azzeramento delle stoviglie in plastica ancora presenti nei refettori di Milano" ha dichiarato Gabriella Iacono, amministratore unico di Milano Ristorazione, la società che si occupa delle attività di gestione di ristorazione collettiva verso utenza scolastica a Milano. 
 
"La qualità del servizio di refezione scolastica si misura dalla qualità del cibo ma anche dalle modalità con cui questo viene servito ogni giorno a bambini e ragazzi" ha aggiunto la vicesindaco e assessore all'Educazione, Anna Scavuzzo. "Una scuola ecologicamente responsabile nei propri comportamenti non può che formare alunni consapevoli e rispettosi nei confronti dell'ambiente" ha concluso la Scavuzzo. 
Rosamaria Freda
autore

condividi su