03/10/2014 - 19:00

A Veronafiere il legno fa nuova l'edilizia

Dagli edifici multipiano ai pavimenti, il legno offre elevate prestazioni tecniche e costi contenuti. LEGNO&EDILIZIA mette in mostra le applicazioni più sofisticate per il mondo delle costruzioni, dal legno strutturale al parquet, e propone soluzioni all'avanguardia nel rispetto della tutela delle risorse naturali, della riqualificazione energetica e del migliore utilizzo degli spazi.
La nona edizione di LEGNO&EDILIZIA, mostra internazionale sull'impiego del legno per le costruzioni edili, si svolgerà come di consueto a Verona e occuperà alcuni dei padiglioni recentemente rinnovati all'interno degli spazi di Veronafiere. Qui qualche centinaio di aziende tra italiane e straniere metteranno in vetrina il meglio delle loro produzioni. Nonostante il momento congiunturale ancora molto critico, il legno, materia naturale, rinnovabile ed eco-compatibile, continua a dare segnali confortanti, tali da orientare gli operatori a un cauto ottimismo giustificato dal fatto che le realizzazioni di legno hanno smesso di essere considerate un metodo costruttivo esclusivo, appannaggio di pochi, per diventare al contrario la soluzione ideale per la maggior parte degli utenti.

Il nuovo indirizzo è indotto soprattutto da una migliore e più ampia informazione sulle prestazioni che contraddistinguono gli edifici di legno che costituiscono un valore aggiunto sempre più riconosciuto dal mondo della progettazione come punto di forza per un'architettura sostenibile ed eco-compatibile, interessata a sfruttare le più avanzate tecnologie energetiche integrate. Le soluzioni applicate alle varianti ingegnerizzate di questa materia prima assicurano livelli prestazionali superiori a quelli del legno massiccio ed è proprio questo uno degli aspetti che ha contribuito a incentivare l'utilizzo del legno come ideale in una logica costruttiva ecologica e performante anche rispetto la tutela dal rischio sismico, senza contare il riscontro positivo dal punto di vista economico.

Tutti questi elementi favoriscono la scelta del legno anche all'interno delle città dove viene impiegato in progetti prestigiosi, sfidando altezze una volta ritenute impossibili con questo materiale. Ormai gli esempi sono numerosi, basta pensare a Via Cenni a Milano, il complesso residenziale in legno più grande d'Europa formato da quattro edifici di nove piani ovvero ventisette metri di altezza, ma anche in altre capitali europee sono state realizzate costruzioni della stessa portata, perfettamente rispondenti alle esigenze dell'edilizia residenziale in contesti ad alta densità abitativa dove i tempi ridotti di costruzione sono un sicuro vantaggio. E non solo. In molti casi è stata prevista la ricostruzione di scuole in legno al posto di istituti la cui demolizione dovrebbe avvenire entro il 2016. Un soluzione che potrebbe fare da apripista per favorire l'utilizzo del legno nell'ambito del pubblico.
Marilisa Romagno
autore

condividi su