01/01/2013 - 01:00

Turismo: la qualità come unica via possibile

Due aziende su 3 hanno già rinnovato l'adesione 2012 all'etichetta ecologica di Legambiente Turismo. Grazie alla spinta degli hotel sta sorgendo in Riviera un portale web di imprese virtuose. Un sondaggio sulla stagione 2011 e una ricerca indicano che un turismo di qualità è l'unica via possibile per il settore turistico italiano.
Legambiente Turismo rilancia la qualità ambientale come strumento per contrastare la crisi, nonostante una tassa di soggiorno che appesantisce ulteriormente il carico sulle imprese e la scarsa dinamicità e concretezza delle istituzioni in questo settore decisivo per una realtà turistica come quella italiana. L'associazione ha presentato al SIA Guest un sondaggio di fine stagione sul 10% delle imprese associate. Accanto al sospiro di sollievo per la tenuta delle presenze si registrano i dolori della perdita di guadagni derivanti dall'aumento di servizi compresi nel prezzo. "In questo panorama - ha detto Luigi Rambelli, Presidente Nazionale di Legambiente Turismo - spicca la soddisfazione del 70% delle imprese con etichetta ecologica, che verificano il gradimento dei turisti verso le aziende che hanno scelto le buone pratiche previste dalla nostra etichetta ecologica, riuniti in oltre 50 gruppi locali in 17 regioni italiane sorti in parternariato con comuni, province, associazioni di categoria, Enti Parco".

L'indagine SMART che ha toccato oltre 200 aziende in tutto il territorio nazionale e che si è avvalsa di collaborazioni di associazioni e istituzioni Austriache, Spagnole, Francesi e Britanniche, conferma l'opinione degli imprenditori che l'unica via possibile per il futuro del turismo è la scelta della qualità (e soprattutto della qualità ambientale). In questa direzione si è mosso anche il gruppo di lavoro costituito da albergatori della Riviera di Rimini e dalle associazioni di settore che ha deciso di lavorare per dare vita ad un portale web riservato alle imprese aderenti a Legambiente Turismo. La stessa scelta è stata fatta qualche tempo fa da una ventina di agriturismi di eccellenza aderenti alla Coldiretti nelle 9 province dell'Emilia Romagna. Questo l'argomento al centro del meeting annuale di Legambiente Turismo con la presentazione - a cura di Barbara Casadio e Michela Manicardi neolaureate in Statistica all'Univesità di Bologna - del rapporto dell'INDAGINE SMART sulla sostenibilità ambientale del turismo nelle imprese e nelle destinazioni - il cui testo è scaricabile dalla home page del sito www.legambienteturismo.it.

Da segnalare anche la presentazione di un nuovo portale riservato agli "Ecoalberghi di Legambiente Turismo" della Riviera a cura del gruppo di lavoro, associazioni e operatori turistici di Bellaria-Igea Marina, Riccione e Rimini. L'associazione ha scelto l'occasione per consegnare a 7 imprese della regione gli attestati che testimoniano la valutazione positiva sulle buone pratiche ambientali da loro messe in atto nel 2011. Si tratta dell'Hotel Estate di Rimini, dell'Hotel Magic di Riccione, del Camping Marecchia di Pennabilli (RN), dell' Hotel Antares di Cervia (RA), del Park Gallanti Village di Lido di Pomposa (FE), dell'Agriturismo Lama di Valle Rosa di San Martino (FE), del B&B I Casolari di Aguscello (FE).
Tommaso Tautonico
autore

condividi su