01/01/2013 - 01:00

Milano sempre più città ciclabile

Grazie a due gru speciali portate appositamente dall'Austria, è stata posta la prima pietra della nuova passerella ciclopedonale su viale Renato Serra, al Portello: un'opera avveniristica, innovativa ed eco-compatibile, che collegherà il quartiere residenziale con il nuovo parco che aprirà in autunno, fino ad oggi separati dalla rete viaria.
"Questa passerella è un'opera di ingegneria, di arte e di design unica nel suo genere in Italia - ha detto l'assessore all'Urbanistica da Lucia De Cesaris intervenuta sul posto per la posa della prima pietra - ma è soprattutto una risposta concreta alle esigenze di ciclopedonalità del quartiere e di tutti i cittadini, perché collega due parti di Milano finora divise dalla rete stradale. Il cantiere chiuderà alla fine di agosto: la passerella sarà consegnata alla città insieme al nuovo parco del Portello che apriremo in autunno". L'opera, progettata dalla società Arup di Londra (la stessa che ha ideato la grande ruota panoramica che svetta sulla capitale britannica), è realizzata da una società di Verona e assemblata sul posto. La pista centrale per le bici e i pedoni è sorretta da due archi a forma parabolica in acciaio riciclabile al 100% che svettano, nel punto di raccordo più alto, a 18 metri dal livello della strada e sono fissati da una serie di tiranti. La passerella appoggia alla quota di circa 6 metri rispetto al piano stradale, su due supporti in calcestruzzo armato le cui fondamenta raggiungono la profondità di 20 metri.

La struttura, lunga 90 metri, larga 4 e pesante 618 tonnellate, sarà dotata di due ascensori laterali, di due scale a chiocciola e di rampe per portatori di handicap. Tutta l'opera sarà colorata in policromia da un artista tedesco emergente di nome Tornquist e il disegno, a sorpresa, avrà colori dal rosso (in memoria della ex Alfa Romeo) al grigio al nero, con una particolare attenzione per l'ambiente: le vernici, infatti, sono non inquinanti. La passerella sarà situata, a lavori completati, al centro di uno spazio di circa 3.000 mq., configurato come anfiteatro verde, capace di ospitare eventi, musica. Una soluzione di ambientazione paesaggistica innovativa ed eco-compatibile.

Per consentire lo svolgimento dei lavori, fino a domenica 26 agosto sono chiusi al traffico il cavalcavia Serra/Monte Ceneri, nel tratto che va da piazza Stuparich a piazzale Lugano, viale Renato Serra, nel tratto da via Traiano a viale De Gasperi e la circonvallazione filoviaria nel tratto da viale Scarampo a via Traiano. Le filovie della linea 90/91 subiscono modifiche di percorso. Il traffico, nei due sensi di marcia, viene deviato sui seguenti itinerari: in direzione di piazza Stuparich su via Traiano, viale Teodorico, viale Scarampo, e nuovamente viale Renato Serra. In direzione di piazzale Lugano: in viale Scarampo, viale Teodorico, via Colonna e nuovamente in viale Renato Serra; sempre nella stessa direzione in viale De Gasperi, via Achille Papa, via Grosotto, via Traiano e fino a viale Renato Serra. Inoltre, nell'intera area interessata dalle deviazioni del traffico, sono stati adeguati gli impianti semaforici per agevolare la viabilità.   
Tommaso Tautonico
autore

condividi su