01/01/2013 - 01:00

"L'Hera della mobilità elettrica"

Inaugurata a Modena la prima colonnina di ricarica

Il Gruppo Hera ha inaugurato a Modena la prima ricarica pubblica di un'auto elettrica, una Renault Fluence Z.E. che verrà commercializzata in Italia all'inizio del 2012: questo è solo il primo di 10 punti di ricarica che il Gruppo Hera attiverà entro le prossime settimane in città.

L'operazione rientra nel progetto "Mi Muovo Elettrico", con cui la Regione Emilia-Romagna, Hera, Enel, e i comuni di Reggio Emilia, Modena, Bologna, Imola e Rimini daranno vita a una rete integrata di circa 80 punti di ricarica per veicoli elettrici.

Grazie alla distanza ridotta fra una città e l'altra, sarà possibile sperimentare l'utilizzo di veicoli elettrici anche in ambito extraurbano.

In questa prima fase l'utilizzo delle colonnine di ricarica sarà riservato principalmente alle aziende modenesi che vorranno rientrare nel progetto pilota attivato da Hera sulla mobilità elettrica, denominato "l'Hera della mobilità elettrica".

Attraverso questo progetto, Hera, a fronte dell'acquisto da parte delle aziende di una o più auto elettriche, si impegnerà a fornire l'accesso alle colonnine di ricarica, l'eventuale installazione di una colonnina di ricarica privata presso l'azienda e un contratto di fornitura "flat" di energia elettrica dedicato alla mobilità da parte di Hera Comm, la società di vendita energia del Gruppo Hera.

Inoltre, i veicoli che rientreranno nella sperimentazione potranno godere del libero accesso alle aree ZTL. Le aziende interessate a rientrare nella sperimentazione possono già da ora contattare Hera per ottenere tutte le informazioni riguardo al progetto.

In una seconda fase, alla sperimentazione potranno accedere anche i privati. Il progetto, per le caratteristiche di ampiezza e cooperazione, è il primo in Europa. Grazie alle sue caratteristiche innovative, "l'Hera della mobilità elettrica" è recentemente rientrato fra i progetti scelti dall'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas per testare possibili standard nazionali nel settore.

 

Sabino Cannone
autore

condividi su