22/08/2016 - 11:46

Efficienza energetica, Ariston: arriva l'app per gestire la nostra caldaia dallo smartphone

Uniformare il nostro sistema di riscaldamento ai nostri ritmi di vita, anche quando essi cambiano improvvisamente. Fino a poco tempo fa poteva apparire una cosa impossibile ma il nuovo servizio di connettività gestibile attraverso una app, messo a punto da Ariston, consente di accendere, spegnere e controllare la temperatura del nostro riscaldamento da smartphone e Pc, ovunque ci troviamo.
 
Sono numerosi ed evidenti i vantaggi connessi all'uso di questa nuova tecnologia: il massimo comfort ogni giorno e tutto l'anno con le funzioni reimpostate (inverno, con la protezione antigelo, in estate ed anche in vacanza), la possibilità di impostare e controllare diverse temperature in differenti zone della casa. E ancora. Il nuovo servizio di connettività di Ariston ti permette di ridurre la tua bolletta del gas, perché essere consapevole dei propri consumi aiuta a risparmiare. 
 
Avere la possibilità di monitorare in ogni istante il proprio sistema di riscaldamento consente di evitare situazioni spiacevoli e ridurre in maniera considerevole i consumi energetici. Ariston ha pensato di inserire le funzioni di telecontrollo e teleassistenza, per la prima volta, in una sola app In un'unica applicazione l'utente, ovunque si trovi, potrà dunque non solo gestire in qualsiasi momento le impostazioni della temperatura di casa, ma anche, a seguito di un contratto di manutenzione, avere un centro di assistenza tecnica pronto ad occuparsi tempestivamente, e da remoto, degli imprevisti della caldaia, con un intervento prioritario e notifica contestuale sullo smartphone dell'utente.
 
L'app Ariston NET può essere scaricata gratuitamente su smartphone (iOS e Android) ed è in grado di controllare tutte le caldaie a condensazione Ariston prodotte a partire dal 2006. Il kit Ariston NET da installare in casa è composto da un dispositivo di accesso (il "gateway"), che è il vero cuore di Ariston NET, che permette alle nuove caldaie Ariston di dialogare con il proprio smartphone inviando notifiche sul funzionamento dell'impianto ed eseguendo i comandi ricevuti, e da un gestore di sistema (Sensys) che consente di massimizzare l'efficienza del proprio impianto di riscaldamento.
 
 Tutte le altre caldaie Ariston prodotte a partire dal 2007, invece, potranno dialogare con l'app previa installazione dell'apposito kit che, in questo caso, è composto dal dispositivo di accesso e da un "room sensor" (sensore ambiente).
 
 Il "gateway" è disponibile sia in versione Wi-Fi, qualora in casa sia presente una connessione internet wireless stabile, sia in versione GPRS, ovvero dotato di una scheda SIM per il traffico dati dedicata esclusivamente a questo servizio.
 
"L'obiettivo di Ariston è garantire il massimo del comfort e del risparmio senza compromessi. Le nostre caldaie sono predisposte per l'innovativo servizio Ariston Net che, tramite un semplice gateway di comunicazione + gestore di sistema/room sensor, consente la gestione della caldaia da remoto tramite APP gratuita disponibile per le piattaforme Apple e Android. Un servizio d'eccellenza che permette di interagire con la caldaia in maniera semplice e intuitiva sia da casa che da remoto. Un passo avanti rispetto alla semplice programmazione oraria che non permette di andare incontro ai ritmi della vita" spiega l'azienda.
 
"Evitare inutili accensioni della caldaia garantisce un notevole risparmio in bolletta e minori stress per l'impianto. Ariston offre anche il servizio di teleassistenza: previo contratto di manutenzione con un centro assistenza tecnica Ariston e a seguito di autorizzazione, un tecnico può monitorare da remoto h24 tutti i parametri della caldaia intervenendo sempre da remoto nei casi più semplici o prendendo appuntamento con l'utente. Un servizio all'avanguardia per la serenità dell'utente: non ci saranno più sorprese nei guasti alla caldaia.
Infine, Ariston Net può accedere alle detrazioni fiscali , una marcia in più nell'investimento sulla condensazione!" conclude Ariston.
 
Leggi anche:
 
 
Rosamaria Freda
Direttore Editoriale

condividi su