Visualizzazioni: 2
19/10/2016 - 16:00

AdriaWealth: tecnologie eco-compatibili per dare impulso al turismo sostenibile

AdriaWealth, progetto di turismo sostenibile che raccorda 78 progetti finanziati negli ultimi anni dal Programma IPA con oltre 300 milioni di Euro complessivi se ne parla alla convention internazionale in corso all'AREA Science Park di Trieste da oggi al 21 ottobre.
Cultura, ambiente, città, storia, prodotti alimentari tipici e nuove tecnologie possono essere al centro di un progetto di "turismo sostenibile" da sviluppare in Europa a partire dai Paesi della Regione Adriatico-Ionica dell'EUSAIR che comprende Slovenia, Croazia, Italia, Grecia, Bosnia-Erzegovina, Albania, Serbia e Montenegro. È l'obiettivo al quale lavora AdriaWealth (www.adriawealth.eu), progetto di turismo sostenibile che raccorda 78 progetti finanziati negli ultimi anni dal Programma IPA con oltre 300 milioni di Euro complessivi. Una Convention internazionale in corso all'AREA Science Park di Trieste da oggi al 21 ottobre focalizza una serie di ambiti di intervento possibili, grazie al contributo di rappresentanti ed esperti del settore turistico, decisori politici ed esponenti del mondo della ricerca chiamati a confrontarsi in una serie di tavoli di lavoro che spaziano dalle opportunità di finanziamento, agli strumenti di pianificazione, all'adozione di tecnologie ecocompatibili.

Su quest'ultimo versante, per esempio, saranno presentate nuove soluzioni energetiche per un turismo meno inquinante, meno energivoro e quindi più competitivo. È questo il caso del solar cooling,una tecnologia che consente di produrre il freddo a partire dall'energia termica raccolta dal sole, di cui sei impianti pilota sono stati realizzati proprio in AREA Science Park e in altri siti europei grazie al progetto Adriacold. L'idea è quella di rendere consapevoli gli operatori sulle soluzioni tecnologiche che possano migliorare l'efficienza e l'indipendenza energetica degli edifici adibiti alla ricezione turistica.

Durante i lavori verrà fatta una panoramica sulle opportunità di finanziamento incluse nella prima guida organica sui fondi europei dedicati al settore curata dagli uffici della Commissione Europea. C'è poi il versante della creazione e sviluppo di nuova impresa al quale sarà dedicata una tavola rotonda con la testimonianza di startup locali, esempio concreto di idee nate per valorizzare l'offerta turistica del territorio. Anche la collaborazione con il mondo della ricerca può essere un valore aggiunto come testimonia la partnership tra AREA Science Park e GAL Carso, al centro di un workshop in cui si parlerà anche di marketing turistico sostenibile e di metodologie per raccontare il territorio seguendo un approccio "sociale" e "diffuso".

"Il messaggio che vogliamo lanciare grazie alla testimonianza e alla discussione dei partecipanti alla Convention - spiega il responsabile locale del progetto AdriaWealth, Marcello Guaiana - è che attraverso un intelligente utilizzo e capitalizzazione dei risultati prodotti con fondi pubblici sarà possibile dare utili spunti e meglio indirizzare le Pubbliche Amministrazioni e gli operatori economici a ragionare in termini di sviluppo sostenibile, poiché questo approccio rappresenta obiettivamente l'unico modo di mettere insieme territori di dimensioni limitate e caratterizzati da diverse peculiarità storico-culturali. Il nostro intento è creare le condizioni per diversificare e aumentare la qualità dei prodotti turistici e, al tempo stesso, dare soluzioni innovativeper meglio fronteggiare i flussi turistici stagionali che attualmente risultano estremamente impegnativi da gestire e sostenere, anche dal punto di vista ambientale".
Marilisa Romagno
autore

condividi su