25/08/2021 - 16:00

Vacanze: piatti a km zero per 4 italiani su 5

Quasi quattro italiani su cinque (78%) in vacanza lontano da casa preferiscono consumare prodotti tipici del posto a chilometri zero per conoscere le realtà enogastronomiche del luogo in cui si trovano. E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixè per l’estate 2021 dalla quale si evidenzia che appena il 15% dei vacanzieri ricerca anche in villeggiatura i sapori di casa propria mentre una netta minoranza (5%) si affida alla cucina internazionale un 2% prova altre esperienze nel piatto.

piatti km 0

Il cibo rappresenta non a caso per quasi il 22% degli italiani – sottolinea la Coldiretti – la principale motivazione di scelta del luogo di villeggiatura, mentre per un altro 56% costituisce uno dei criteri su cui basare la propria preferenza. Solo un 4% dichiara di non prenderlo per niente in esame. Ma l’enogastronomia vince anche tra i selfie – nota Coldiretti – con il 19% dei turisti che ha postato sui social fotografie dei piatti consumati al ristorante o preparati in cucina durante le vacanze estive. Un importante momento di socializzazione che si traduce – sottolinea la Coldiretti – in vere e proprie sfide del gusto a colpi di immagini dell’ultima prelibatezza sfornata o del piatto curioso ordinato in vacanza che viaggiano in rete e diventano oggetto di animate discussioni tra parenti e amici.

La ricerca dei prodotti tipici è diventato un ingrediente irrinunciabile – spiega Coldiretti – delle vacanze in un Paese come l’Italia che è leader mondiale del turismo enogastronomico con 316 specialità ad indicazione geografica riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, 5266 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola, la leadership nel biologico con oltre 80mila operatori biologici e la più grande rete mondiale di mercati di agricoltori e fattorie con Campagna Amica (www.campagnamica.it). Quasi sei italiani su dieci (59%) in vacanza in Italia al mare, in montagna o nel verde durante l’estate 2021 hanno infatti scelto di visitare frantoi, malghe, cantine, aziende, agriturismi o mercati degli agricoltori per acquistare prodotti locali direttamente dai produttori, ottimizzare il rapporto prezzo/qualità e portarsi a casa un pezzo di storia della tradizione italiana a tavola.

Il risultato è che il cibo nel tempo del Covid è diventato la voce principale del budget delle famiglie in vacanza in Italia – conclude la Coldiretti – con circa un terzo della spesa di italiani e stranieri destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    23/08/2013 - 18:00
    Alimentazione
    Italia leader mondiale del turismo enogastronomico

    Salgono al numero record di 4698 le specialità alimentari presenti sul territorio nazionale che sono state ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sul censimento dei prodotti agroalimentari tradizionali delle...

  • Leggi
    06/09/2014 - 14:30
    Alimentazione
    Consumi: dal biologico al km 0, la spesa green vola e batte la crisi

    Dal biologico al chilometro zero, dai prodotti sfusi fino alle denominazioni di origine, vola la spesa "green" che raggiungerà complessivamente per la prima volta i 20 miliardi di fatturato nel 2014, in netta controtendenza al calo dei consumi alimentari che con la crisi in mdia sono crollati ai...

  • Leggi
    21/07/2016 - 14:46
    Alimentazione
    Alveare on tour: 1000 km alla scoperta del km0 e della Food Innovation

    Partirà a settembre il tour de L'Alveare che dice sì!, la startup che ha creato un nuovo modo per vendere e comprare i prodotti locali utilizzando il web: un viaggio di 1.000 km a bordo di un food truck che porterà filiera corta, startupper, contadini, consumatori, momenti di condivisone e...

  • Leggi
    28/07/2015 - 17:00
    Alimentazione
    Cibo km zero: Hotel Milano Scala, piovono ortaggi!

    L'orto biologico con vista Duomo dell'Hotel Milano Scala ha dato un raccolto da record. Ortaggi, piante aromatiche e fiori eduli a "passo zero" sono i protagonisti della cucina Green&Glocal del primo hotel a emissioni zero di Milano.