01/01/2013 - 01:00

Una settimana in bicicletta nel Salento

Un viaggio in bicicletta alla scoperta del salento nascosto, degli odori, dei sapori e della gente. È l'avventura che stanno sperimentando in questi giorni un gruppo di ragazzi e ragazze provenienti da mezza Italia e anche dalla Germania, guidati dall'associazione Salento Bici Tour.
I partecipanti dormono in tenda, in vari campeggi e agriturismi della zona, e si spostano durante il giorno, rigorosamente in bicicletta. Il caldo non è un problema, durante le ore più calde effettuano lunghe soste a mare nei luoghi più belli della costa salentina. Le loro peripezie sono ora raccolte in un blog in diretta pubblicato nella pagina www.20centesimi.it e scritto collettivamente dai partecipanti.
"Questo e' il mio primo viaggio in bici, quindi se l'ho fatto io che non ho mai pedalato, che non so usare il cambio e che non so distinguere una mountain bike da una graziella... può farlo 'quasi' chiunque" scrive Isabella, padovana d'adozione ma brindisina di origine. "I luoghi stimolano" l'immaginazione" scrivono invece Annika, Berlinese, e Arianna, milanese "e ci ritroviamo a 'pensare quante persone sono passate da lì negli anni, quante e quali vicende umane si siano consumate lì intorno". Non mancano i riferimenti alle prelibatezze gastronomiche tipiche del periodo "ricci di mare, provola, panini e bevande fresche", si legge ancora nel blog.

Il giro è partito la Lecce domenica scorsa e, passando da Otranto, Tricase, Leuca, Presicce, Gallipoli e Galatina, oltre a numerose soste intermedie, ritornerà nel capoluogo sabato prossimo. I cicloturisti si fermano nelle masserie, visitano le cripte nascoste nella campagna e i centri storici dei boghi più piccoli, e non mancano passeggiate a piedi nei tratti più suggestivi della costa, soprattutto all'interno del parco Otranto-Leuca.
"Cerchiamo di fare un turismo davvero sostenibile, dove la lentezza permette di assoporare la bellezza dei luoghi e di incontrare la gente del posto in un contatto autentico e di reciproco scambio" spiega Carlo Cascione, uno degli organizzatori del viaggio "il valore aggiunto lo danno i partecipanti che con il loro entusiamo, ma anche il loro sforzo quotidiano per affrontare qualche decina di chilometri, ci ricordano continuamente quanto siamo fortunati a vivere in questa terra".

per info +39 346 086 27 17 oppure www.salentobicitour.org/it/news.html
Marilisa Romagno
autore

condividi su