02/05/2018 - 11:28

UE: api, bando permanente per tre neonicotinoidi dannosi

L'Unione europea mette al bando tre insetticidi neonicotinoidi dannosi per le api. L’Italia ha votato a favore del bando, insieme alla maggioranza dei Paesi membri.

bando neonicotinoidi

Per Greenpeace è una grande giornata per il futuro dell’agricoltura europea. "Questa è una notizia importante per le api, l’ambiente e tutti noi. Il voto a favore dell’Italia certifica l’attenzione dei cittadini italiani per la protezione degli impollinatori", dichiara Federica Ferrario, responsabile campagna Agricoltura di Greenpeace Italia. "I danni di questi neonicotinoidi sono ormai incontestabili. Bandire questi insetticidi è un passo necessario e importante, il primo verso una riduzione dell'uso di pesticidi sintetici e a sostegno della transizione verso metodi ecologici di controllo dei parassiti".

Il bando votato estende quello parziale già in essere dal 2013 per tre neonicotinoidi - l'imidacloprid e il clothianidin della Bayer e il tiamethoxam della Syngenta. Rimane consentito il loro utilizzo solo all’interno di serre permanenti. I Paesi che hanno votato a favore del divieto sono: Italia, Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, Paesi Bassi, Austria, Svezia, Grecia, Portogallo, Irlanda, Slovenia, Estonia, Cipro, Lussemburgo, Malta, che rappresentano il 76,1% della popolazione dell'Ue. Quattro i Paesi contrari al divieto: Romania, Repubblica Ceca, Ungheria e Danimarca. Otto gli astenuti: Polonia, Belgio, Slovacchia, Finlandia, Bulgaria, Croazia, Lettonia e Lituania.

Oltre ai 3 insetticidi in discussione, ce ne sono altri che costituiscono una minaccia per le api e altri insetti benefici. Tra questi quattro neonicotinoidi, il cui uso è attualmente permesso in Ue: acetamiprid, thiacloprid, sulfoxaflor e flupyradifurone e altre sostanze quali cipermetrina, deltametrina e clorpirifos.

Per evitare che questi tre insetticidi ora vietati vengano sostituiti con altre sostanze chimiche che potrebbero essere altrettanto dannose, Greenpeace ritiene che l'Ue debba bandire l’uso di tutti i neonicotinoidi, come la Francia sta già considerando di fare. È inoltre necessario applicare gli stessi rigidi standard utilizzati per questo bando alla valutazione di tutti i pesticidi e, soprattutto, ridurre l'uso di pesticidi sintetici e sostenere la transizione verso metodi ecologici di controllo dei parassiti.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    16/03/2013 - 14:00
    Ambiente
    13 Paesi sostengono il bando Ue dei pesticidi killer delle api

    Rappresentanti dei governi di 13 Stati dell'Unione Europea hanno votato oggi in favore del bando di 3 pesticidi (imidacloprid, clothianidin e thiamethoxam), che sono estremamente tossici per le api e per questo già oggetto di specifico bando temporaneo in Italia, limitato però alla sola concia...

  • Leggi
    11/09/2014 - 20:30
    Ambiente
    Allarme moria api: pesticidi e maltempo le cause

    Dalla sede di Legacoop Agroalimentare, Conapi e Unaapi lanciano l'allarme: oltre 60 le segnalazioni di grave avvelenamento di interi apiari nella scorsa primavera in tutta Italia, in coincidenza con la semina di mais e trattamenti di frutta e cereali.

  • Leggi
    04/06/2014 - 19:00
    Ambiente
    Ambiente: serve un bando permanente per i pesticidi nocivi per le api

    Attività in 110 città europee, oltre un migliaio di volontari coinvolti, quasi mezzo milione di firme raccolte in tutto il continente sul sito www.salviamoleapi.org. Sono i numeri della campagna a tutela delle api e degli altri impollinatori portata avanti nelle ultime settimane da Greenpeace,...

  • Ambiente: Italia leader in europa per consumo di pesticidi
    Leggi
    18/02/2015 - 11:36
    Ambiente
    Ambiente: Italia leader in europa per consumo di pesticidi

    Un micidiale cocktail di 175 pesticidi viaggia nelle acque italiane superficiali e sotterranee. Lo ha rilevato l'Ispra - l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - nel Rapporto da poco pubblicato, confermando di fatto quanto già scritto dalla rivista Science, che indica il...