02/11/2017 - 17:05

A tutta forza con la mobilità sostenibile. Arrivano a Torino le biclette verdi di Gobee.bike.

Arriva a Torino Gobee.bike, l' operatore di bike sharing a flusso libero senza stazioni.

Gobee.bike, operatore di bike sharing a flusso libero senza stazioni, annuncia il lancio delle sue attività in Italia a partire dalla città di Torino, dove possono essere utilizzate attraverso un’applicazione per smartphone, sia Android che iOS .

Mobilità sostenibile

Dopo una fase pilota a Hong Kong e il successo dei lanci in Francia (Parigi e Lille) e in Belgio (Bruxelles), da oggi il servizio di mobilità sostenibile di Gobee.bike sarà disponibile anche per gli abitanti del capoluogo piemontese. Gobee.bike è un operatore di bike sharing a flusso libero,le cui biciclette non necessitano di stazioni di deposito e possono essere utilizzate attraverso un’applicazione per smartphone, sia Android (ie. Samsung, LG etc.) che iOS (iPhone).Gobee.bike mira a far fronte alle sfide della mobilità sostenibile nelle grandi città, integrandoil fitness nel frenetico stile di vita cittadino,in maniera da ridurre la congestione del traffico e le emissioni di gas inquinanti nell’atmosfera.

Co-fondata e diretta da Raphael Cohen, un imprenditore francese residente a Hong Kong, Gobee.bike ha trasformato un’idea semplice (usare la bicicletta nelle aree urbane) in un servizio intelligente in grado di superare gli ostacoli, come la necessità di apposite stazioni per il prelievo e la riconsegna, che finora disincentivavano l’utilizzo delle biciclette da parte dei cittadini come sistema di trasporto urbano. Il servizio di Gobee.bike è stato ideato per adattarsi alla massiccia trasformazione degli spazi urbani nelle smart city moderne, e per offrire agli utenti maggiore semplicità, praticità e libertà negli spostamenti di tutti i giorni. Per quanto riguarda la mobilità sostenibile, le trasformazioni delle città si basano sullo sviluppo di servizi che tengano conto degli aspetti sociali, ambientali ed economici, oltre a favorire uno stile di vita più salutare. Combinando queste tematiche con l’idea di diffondere la bicicletta in città, Raphael Cohen ha messo a punto la tecnologia e il modello di business di Gobee.bike. In seguito all’ottima accoglienza ricevuta a Hong Kong, ha poi deciso di lanciare il servizio in Europa.

Il servizio di Gobee.bike sarà inizialmente disponibile a Torino con alcune centinaia di biciclette, e verrà gradualmente ampliato nelle settimane successive. In contatto con l’amministrazione comunale, il management italiano di Gobee.bike sta mettendo a punto un efficace piano per il lancio delle biciclette verdi nella città piemontese. Le Gobee.bike miglioreranno ulteriormente la rete di trasporti sostenibili torinese grazie al sistema a flusso libero (o “free floating”), basato su una tecnologia rivoluzionaria per la condivisione, con il quale le biciclette possono essere utilizzate in modo molto più flessibile. Un’intuitiva applicazione che sfrutta la tecnologia GPS per la geo-localizzazione delle biciclette assicura infatti un’esperienza di utilizzo notevolmente migliore e più intuitiva rispetto ai tradizionali sistemi di bike sharing. In aggiunta, le Gobee.bike sono state progettate per garantire la massima durabilità del mezzo:le ruote piene ad esempio, prive di camera d’aria, proteggono gli utenti contro eventualiforature.

Le biciclette di Gobee.bike saranno presto accessibili anche attraverso l’applicazione Urbi, un aggregatore di servizi di mobilità in condivisione.
Gobee.bike intende inoltre lavorare a stretto contatto con le associazioni non-profit di Torino, al fine di promuovere l'uso delle biciclette come mezzo di trasporto sostenibile, e di creare opportunità di lavoro per persone appassionate di ciclismo e meccanica. “Seguiamo molto da vicino l’evoluzione delle città in termini di mobilità sostenibile, ambiente e qualità della vita. In Italia abbiamo scelto di iniziare da Torino per le straordinarie opportunità che può offrirci il capoluogo piemontese.Abbiamomesso a punto un modello in grado di soddisfare le esigenze di mobilità sostenibile della città, fornendo un servizio tecnologicamente innovativo ai cittadini.Siamo orgogliosi di lanciare ufficialmente Gobee.bike a Torino e di poter contribuire alla trasformazione di questa città”, ha commentato Gabriele Vezzani, Regional Manager di Gobee.bike Italia.

Come funziona Gobee.bike?
Le biciclette verdi di Gobee.bike sono facilmente riconoscibili. Un’intuitiva applicazione per smartphone consente agli utenti di individuare una bicicletta, sbloccarla usando il codice QR univoco presente su ogni mezzo e utilizzarla per raggiungere la destinazione desiderata. Svincolando il servizio dall’utilizzo di specifiche stazioni di deposito, Gobee.bike non solo assicura agli utenti una maggiore libertà, ma riduce anche significativamente gli investimenti legati all’installazione e manutenzione dei punti di prelievo/riconsegna, che per la città possono ammontare a diversi milioni di euro all’anno.

Dopo l’utilizzo, le biciclette possono essere lasciate in qualsiasi luogo pubblico adibito a parcheggio biciclette e bloccate manualmente. Dotate di sensori e di un sistema di allarme integrato, che permette a Gobee.bike di rilevare eventuali usi impropri o l’abbandono in luoghi non adeguati, le bici verdi possono essere sbloccate e utilizzate solo dagli utenti registrati. Attualmente il costo del servizio è di 50 centesimi per 30 minuti. Gli utenti che creano il loro account nelle settimane successive al lancio potranno beneficiare di un deposito cauzionale promozionale, fissato per il periodo iniziale a 15 euro. Non sono necessari contanti per usufruire del servizio. I pagamenti avvengono tramite carte di credito e i principali metodi di pagamento elettronico.

Il punto di forza di Gobee.bike sta nella stretta integrazione tra tecnologia e produzione:
-    L’algoritmo è in grado di gestire la flotta di biciclette in modo facile e veloce, in base agli spostamenti delle persone in città.
-    Gobee.bike produce biciclette che soddisfano gli standard europei di sicurezza, dotate di un sistema integrato di illuminazione e blocco GPS intelligente alimentato a energia solare, oltre che di un sistema di allarme per la prevenzione dei furti.
Con questo lancio, Gobee.bike mira a promuovere l’utilizzo di soluzioni di mobilità alternative ed ecocompatibili e a fare della bicicletta il principale mezzo di trasporto nelle aree urbane. La società, in continua espansione, prevede la copertura di circa 10 città europee entro la fine del 2017. Questa espansione è supportata dall’aumento di capitale di 9 milioni di dollari concluso ad agosto.

 

Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Mobilità
    A Capo d'Orlando arriva il bike sharing

    Il tema della mobilità nel centro urbano è sicuramente prioritario nelle scelte strategiche a breve e medio termine dell'Amministrazione Comunale di Capo d'Orlando che, sensibile al tema dello sviluppo sostenibile, ha partecipato al Bando "Bike Sharing e Fonti Rinnovabili".

  • Leggi
    31/01/2015 - 18:00
    Mobilità
    A Milano il bike sharing si espande: 3 nuove stazioni BikeMi

    Sono attive da ieri tre nuove stazioni di BikeMi a Milano, collocate tra via Farini e via Quadrio, in piazza Bonomelli e tra viale Brianza e via Venini. Tutte e tre saranno di tipo monofacciale e metteranno a disposizione 36 stalli.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Mobilità
    A Milano il bike sharing tutta la notte nei weekend

    Riparte domani a Milano, e proseguirà fino al 21 settembre, 'BikeMi by night', il servizio di bike sharing attivo 24 ore su 24 il venerdì e il sabato e fino alle 2 di notte nelle giornate da domenica a giovedì (già ripristinato nella giornata di ieri).

  • Leggi
    13/07/2013 - 12:02
    Mobilità
    Bike sharing, a Londra costa tanto per i contribuenti

    Il bike sharing di Londra è il più costoso del mondo. Per molti è colpa di un accordo poco conveniente con lo sponsor Barclays, a cui si poteva chiedere di più.