29/11/2017 - 12:18

Taranto: la Regione Puglia impugna il Piano ambientale dell'Ilva

Emiliano impugna il Dpcm del 29 settembre con cui è stato modificato il Piano Ambientale dell'Ilva di Taranto.

In una nota diffusa sul proprio sito istituzionale, la Regione Puglia comunica di aver impugnato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 29 settembre scorso con cui si concedeva una proroga all'acciaieria nel lavorare in condizioni ambientali non più sostenibili.

Ilva

Il presidente della Regione Puglia fa sapere di aver impugnato il decreto del presidente del consiglio dei ministri del 29 settembre scorso che ha modificato il Piano Ambientale dell'Ilva di taranto. Questo Dpcm prevedeva una proroga per l'acciaieria a proseguire l'operatività sino al 2023 in condizioni precedenti alla prima Aia (autorizzazione integrata ambientale) e alle Bat (Best available techniques) per la produzione di ferro e acciaio del 2012.

Questo significherebbe continuare ad operare in condizioni ambientali non sostenibili. Secondo Emiliano "il governo ha totalmente ignorato le osservazioni della Regione Puglia, formalmente presentate nell'ambito del procedimento concluso con il Dpcm impugnato, senza alcuna giustificazione". Per il governatore pugliese una ulteriore proroga nel realizzare gli interventi ambientali già previsti da tempo è inaccettabile.

foto: la-croix.com

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati