21/11/2016 - 17:15

Studio e lavoro: in Italia l'accoppiata è poco vincente

Secondo gli ultimi dati diffusi dall'Istat, negli utlimi 10 anni in Italia gli studenti che lavorano si sono dimezzati.
studio lavoro
Portare avanti lo studio e contemporaneamente il lavoro è diventata quasi utopia. Nel 2015 gli studenti (tra i 15 ed i 24 anni) che riescono a portare avanti qualche lavoretto arrivano appena a 75 mila unità, una percentuale pari al 2%. Negli 10 anni si sono praticamente dimezzati, basti pensare che nel 2005 erano il 51% in più. Analizzando le diverse fasce d'età i dati sono uniformi, sia che si parli di giovani studenti o di studenti universitari, i numeri non lasciano alcun dubbio: non si riesce (o non si vuole) a portare avanti studio e lavoro.

Eppure gli studenti nel nostro paese sono aumentati con un picco massimo nel 2015 quando hanno toccato quota 3,7 milioni. I tempi in cui gli universitari si pagavano gli studi con quache lavoretto part time sembrano solo un lontano ricordo; se si considerano gli under 30 in valore assoluto, il numero di chi lavora e studia insieme è aumentato ma se lo si rapporta agli anni passati le percentuali sono in forte calo (-41%).

Tommaso Tautonico
autore

condividi su