17/02/2018 - 17:52

Stop alla #plastica in mare. Anche BASF nel World Plastics Council (WPC)

Sostenibilità ambientale. BASF entra a far parte del World Plastics Council (WPC), un’organizzazione mondiale degli operatori leaders dell’industria della plastica.

L'ingresso di BASF nel World Plastics Council ha come obiettivi:
- affrontare argomenti di rilevanza globale per il comparto industriale.
- unire gli sforzi per promuovere un uso responsabile della plastica.

Stop alla #plastica in mare. Anche BASF nel World Plastics Council (WPC)

Sostenibilità ambientale. BASF entra a far parte del World Plastics Council (WPC), un’organizzazione mondiale degli operatori leaders dell’industria della plastica.

L'ingresso di BASF nel World Plastics Council ha come obiettivi:
- affrontare argomenti di rilevanza globale per il comparto industriale.
- unire gli sforzi per promuovere un uso responsabile della plastica.

Il WPC promuove temi industriali di rilevanza globale come l’uso responsabile della plastica, la gestione efficiente dei rifiuti e le soluzioni alla questione dei rifiuti marini.

“Operare sui mercati in modo sostenibile è parte integrante della strategia BASF ed è una fonte d’ispirazione sin dalla nostra fondazione. Ad esempio, usare sottoprodotti di un impianto chimico come materia prima per un altro limita la produzione di rifiuti e aumenta l'efficienza. Questo principio, che noi chiamiamo “Verbund”, è parte della nostra identità.", ha spiegato Raimar Jahn, Presidente Performance Materials. 
"Inoltre, siamo coinvolti in iniziative che affrontano sfide globali e coinvolgono intere filiere come l’Operation Clean Sweep®, un programma internazionale progettato per evitare che materiale plastico venga rilasciato nell’ambiente", ha proseguito Jahn. "Entrare a far parte del WPC è un modo per contribuire ulteriormente ad un futuro sostenibile e a offrire una qualità di vita migliore per tutti".

James Seward, Presidente di WPC e Vice Presidente di LyondellBasell, dà il benvenuto a BASF come nuovo membro in grado di contribuire agli sforzi globali di WPC, impegnata a fornire soluzioni sostenibili per il settore delle materie plastiche e per la società in generale.

Secondo WPC, l'industria a livello globale ha svolto un ruolo importante nello studio e nella prevenzione dei rifiuti marini, ne è un esempio la “Dichiarazione delle Associazioni globali delle Materie Plastiche per la soluzione dei rifiuti marini”, firmata da 70 associazioni di produttori di materie plastiche in 35 Paesi.

Ad oggi sono già 260 i progetti realizzati, o in corso, in varie parti del mondo.

BASF è anche membro dell'American Chemistry Council e di PlasticsEurope, realtà già associate al WPC e che si stanno impegnando per un'economia più sostenibile, circolare e che utilizzi in modo efficiente le risorse. 


Il WPC non sostituisce le associazioni nazionali o regionali di produttori di materie plastiche, si concentra invece su questioni che richiedono soluzioni globali o multi-regionali.

Per un'azienda come BASF, che opera in tutti i mercati, queste azioni diffuse possono essere implementate in tutte le regioni e contribuire così all’economia circolare e ad un futuro più pulito.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati
  • Beach Littering: come ti riciclo la plastica gettata in spiaggia!
    Leggi
    11/11/2017 - 13:12
    Ambiente
    Beach Littering: come ti riciclo la plastica gettata in spiaggia!

    Beach Litter: presentati i risultati del primo studio sulla riciclabilità delle plastiche presenti sulle spiagge italiane. Tappi, cannucce, bottigliette, cotton fioc gettati nel WC, frammenti vari di plastica, imballaggi sanitari, pellet sono alcuni dei rifiuti più presenti sulle nostre spiagge....

  • Leggi
    27/09/2017 - 22:14
    Ambiente
    #Plastica: stop inquinamento con 24Bottles

    Sostenibilità ambientale: 24Bottles è la risposta quotidiana all'inquinamento della plastica. Non si parla di altro della «Pacific Trash Vortex», una chiazza galleggiante formata dalla plastica che abbandoniamo ogni giorno in mare.

  • Leggi
    24/07/2017 - 14:42
    Ambiente
    Imballaggi in carta e plastica: dal 1° gennaio 2018 aumenta l’eco-contributo

    Il Consiglio di Amministrazione CONAI, sentito il parere di Comieco e Corepla, ha deliberato l’aumento del contributo ambientale per gli imballaggi in carta da 4 a 10 Euro/t e per gli imballaggi in plastica da 188 a 208 Euro/t, a partire dal 1° gennaio 2018. Per la plastica è stato introdotto il...

  • Leggi
    11/06/2017 - 15:53
    Ambiente
    G7 Ambiente: tutti i gradi della bioplastica mater-bi oltre il 40% di rinnovabile

    Entro il 2017 Novamont, su base volontaria, porterà il contenuto minimo di rinnovabile dell’intera gamma della bioplastica MATER-BI oltre il 40% e sarà in grado di offrire prodotti ad alta rinnovabilità fino al 100% in applicazioni specifiche. Le buste in MATER-BI che utilizzano i monomeri da fonte...