20/07/2020 - 17:38

Start-up barese lancia nuovo progetto mondiale anti-Covid

Dopo braccialetto anti-covid start-up barese realizza primo bracciale al mondo in grado di monitorare ossigenazione del sangue e temperatura corporea e aiutare telemedicina. Metawellness lancia una rivoluzionaria campagna di raccolta fondi per sviluppare nuove tecnologie finalizzate a migliorare la vita dei cittadini. 

 

progetto mondiale anti-Covid

E’ stato incredibile il successo “made in Italy” della start-up pugliese MetaWellness che in soli due mesi ed in piena emergenza sanitaria ha progettato e distribuito in tutto il mondo il “Labby Light”, il braccialetto anti-covid in grado di gestire il distanziamento sociale e ricostruire i contatti avuti tra persone per isolare sul nascere possibili nuovi focolai pandemici. Dopo aver catturato l’interesse di grandi aziende italiane ed estere nonché della stampa internazionale, l’azienda di Bari specializzata in tecnologia lancia oggi una nuova ambiziosa iniziativa.

Sfruttando l’accelerazione del mondo digitale registrata anche nel nostro paese a seguito del lockdown, MetaWellness ha lanciato una campagna di raccolta fondi popolare (“crowdfunding”) da destinare allo sviluppo di nuove tecnologie per migliorare la vita quotidiana degli italiani. In particolare realizzerà il nuovo “Labby Plus”, il primo bracciale al mondo in grado di rilevare congiuntamente battito cardiaco, temperatura corporea ed ossigenazione del sangue, che troverà applicazione sia in ambito sportivo sia nel campo della telemedicina essendo certificato come dispositivo medico.

“Così MetaWellness intende raccogliere in tre tranche un totale di 1,5 milioni di euro. In sostanza tutti i cittadini, attraverso questo “azionariato popolare”, possono diventare investitori e supportare i rapidi cambiamenti tecnologici per il  miglioramento della qualità della vita quotidiana, ottenendo anche un profitto – afferma Antonio Barracane, CEO di MetaWellness – Ma si tratta di un’iniziativa attenta anche al sociale: il nostro impegno è di destinare il 15% di ogni quota al consumo solidale acquistando beni di prima necessità da devolvere a scopi sociali; in tal senso già numerose sono le aziende della GDO che hanno accolto con estremo interesse l’iniziativa”.

MetaWellness prevede obiettivi di breve termine estremamente positivi con il raggiungimento di un giro di affari di oltre 15 milioni di euro ed una redditività attesa del 25% e per i sottoscrittori del crowdfunding sarà possibile detrarre il 50% dell’importo investito così come previsto dal recentissimo decreto rilancio. 
Sono ambiziosi gli obiettivi di MetaWellness, ma d’altronde come osservava Albert Einsten “La crisi porta progressi…è nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie”.

Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati