15/06/2016 - 15:02

Sostenibilità sociale: la Camera approva "Dopo di noi", la legge per i disabili senza assistenza familiare

Parliamo di sostenibilità sociale e del disegno di legge approvato dalla Camera a favore delle persone con disabilità grave senza sostegno familiare. Il provvedimento, intitolato "Dopo di noi", è passato con 312 si, 64 no e 26 astenuti: hanno votato a favore tutti i partiti tranne M5S che si è opposto e Sinistra italiana che si è astenuta.

 
Ma vediamo nel dettaglio le principali novità introdotte dal testo. Prima di tutto viene previsto l'istituto giuridico del trust, per salvaguardare il patrimonio da utilizzare per il figlio, cancellata l'imposta di successione e donazione per i genitori, ad esempio per la casa di proprietà, ridotte aliquote e franchigie e le esenzioni per l'imposta municipale sugli immobili. Vengono inoltre innalzati i parametri sulla deducibilità per le erogazioni liberali e le donazioni e prevista la detraibilità delle spese per le polizze assicurative, con l'incremento da 530 a 750 euro della detraibilità dei premi per le assicurazioni sul rischio morte. Infine viene istituito presso il ministero del Lavoro il Fondo per l'assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare, con una dotazione di 90 milioni di euro per quest'anno, 38,3 milioni per il 2017 e 56,1 milioni annui dal 2018 in poi.
 
Il testo si muove su alcune linee guida che mirano a creare soluzioni abitative o gruppi-appartamento che riproducano le condizioni della casa familiare, ad intervenire per favorire la permanenza temporanea in una soluzione abitativa extrafamiliare per far fronte a eventuali situazioni di emergenza. Prevede inoltre forme innovative di residenzialità, come le soluzioni alloggiative di tipo familiare e di co-housing, sostegno al pagamento degli oneri di acquisto, locazione, ristrutturazione, e alle forme di mutuo aiuto e punta all'accrescimento di consapevolezza, abilitazione e sviluppo delle competenze per una gestione autonoma della vita quotidiana.
 
Il titolo del provvedimento "Dopo di noi" si riferisce infatti al periodo di vita dei disabili successivo alla scomparsa dei genitori/familiari. Sul tema della vita indipendente, la Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, all'articolo 19, sancisce "il diritto di tutte le persone con disabilità a vivere nella società, con la stessa libertà di scelta delle altre persone" invitando gli Stati parti ad adottare misure efficaci ed adeguate per facilitare il pieno godimento da parte delle persone con disabilità di tale diritto nonché la loro piena integrazione e partecipazione nella società. Per quanto riguarda la protezione giuridica delle persone con disabilità e loro autodeterminazione, la Convenzione Onu, all'articolo 12, prevede che gli Stati Parti adottino misure adeguate per consentire l'accesso da parte delle persone con disabilità al sostegno necessario ad esercitare la propria capacità giuridica. 
Rosamaria Freda
Direttore Editoriale

condividi su

Articoli correlati