28/06/2019 - 12:46

Sharing mobility: a Milano in arrivo altre 400 bici e nuove stazioni BikeMi

Clear Channel Italia,sponsor della 3° Conferenza Nazionale sulla SharingMobility, annuncia l’arrivo a Milano di altre 400 bici e nuove stazioni del servizio BikeMi entro agosto. Oltre 9,3 milioni i chili di anidride carbonica risparmiati in 10 anni.

 

Sharing mobility, BikeMi

Clear Channel Italia, protagonista del mercato dell’Out-of-Home advertising e gestore del servizio di bike sharing nelle città di Milano e Verona è stato sponsor anche quest’anno della Conferenza Nazionale sulla SharingMobility, tenutasi ieri a Roma. Il Rapporto Nazionale realizzato dall’Osservatorio SharingMobility ha evidenziato una continua crescita del settore, che ormai coinvolge circa il 10% della popolazione e 271 comuni. Oltre 5 milioni di italiani usufruiscono quotidianamente dei servizi di condivisione di automobili (sia carsharing che carpooling), scooter, bici, monopattini. Una tendenza che si inserisce nella più generale crescita della Sharing Economy, ma che riflette al contempo il desiderio di uno stile di vita più sostenibile. Aumenta infatti il numero dei veicoli elettrici in sharing, in particolare auto e scooter, passando nell’ultimo anno dal 27% al 43% del totale, con una maggior diffusione delle colonnine per la ricarica. 
Il settore del bikesharing è in continua evoluzione, affermandosi non solo nelle grandi città come Milano, ma anche in comuni medio-piccoli. 

Clear Channel Italia è presente a Milano con il servizio BikeMi da oltre 10 anni: le prime stazioni sono state inaugurate nel 2008 e si sono moltiplicate fino ad arrivare alle 292 di oggi. Il servizio mette a disposizione degli utenti 3.650 biciclette tradizionali e 1.150 a pedalata assistita, di cui 150 con seggiolino, che possono essere usate ogni giorno dalle 07.00 alle 01.00, con eventuali prolungamenti d’orario in occasioni speciali. 

BikeMI dal suo arrivo in città ha registrato 25 milioni di utilizzi e conta oltre 650mila iscritti, ed è destinato a espandersi ulteriormente, con l’aggiunta di altre 400 bici e l’apertura di nuove stazioni nell’ambito del progetto Pon Metro, che saranno pronte entro agosto. Un servizio sempre più efficiente e capillare, con stazioni che non distano tra loro più di 400 metri e che collega i quartieri alle grandi reti del trasporto pubblico.Inoltre, con l’introduzione del nuovo sistema tariffario dei trasporti milanesi, sarà possibile caricare l’abbonamento BikeMi direttamente sulla tessera ATM. 
I numeridell’impatto del bike sharing sull’ambiente parlano da soli: gli oltre 46 milioni di chilometri percorsi in città nei primi dieci anni di BikeMi, hanno permesso di risparmiare oltre 9,3 milioni di chili di anidride carbonica in termini di mancate emissioni, alle quali si aggiunge il contributo di una centrale di ricarica elettrica con energia (75 khW/annui) prodotta da panelli fotovoltaici. 

 "Credo che oggi Milano non potrebbe più fare a meno del BikeMi– ha dichiarato Marco Granelli, assessore a mobilità e ambiente del comune di Milano –un servizio che negli anni si è dimostrato efficiente e comodissimo per coprirel'ultimo miglio tra la fermata dei mezzi pubblici e il luogo di destinazione. Il BikeMi si integra perfettamente nella rete di trasporto milanese ed è certamente un modello vincente di sharing urbano grazie alla continua gestione di Clear Channel".
“Atm accoglie con favore i dati che testimoniano una crescita della SharingMobility perché la strategia aziendale va proprio in questa direzione, sempre più orientata all’integrazione con i servizi di mobilità condivisa. Proprio in quest’ottica è importante l’introduzione di una tessera unica con i servizi di BikeMi che consentirà agli abbonati Atm, di poter caricare il proprio abbonamento ai servizi di bike sharing su un unico supporto– ha commentato il Presidente di Atm Luca Bianchi.”

“Per noi sharing significa prima di tutto senso civico – ha spiegato Simone Cresciani, CEO e General Manager di Clear Channel Italia. –Siamo orgogliosi di offrire, da oltre 10 anni con ordine ed efficienza, un mezzo di mobilità sostenibile al servizio dei cittadini. Questo anche grazie all’utilizzo di stalli fissi e al puntuale servizio di regolazione. I milanesi sono i primi ad apprezzarlo, come dimostrato dal bassissimo tasso di atti vandalici che subiamo. Ogni cittadino diventa così guardiano di BikeMi segnalandoci eventuali irregolarità, all’insegna di un vero e proprio senso di appartenenza e di progresso. Clear Channel lavora e continuerà a lavorare per promuovere questi valori”.
La posizione di Clear Channel nel mercato dell’Out-of-Home advertising fa sì che il servizio di bikesharing diventi inoltre un punto di riferimento per i brand che vogliono fare campagne pubblicitarie attente all’impatto ambientale e alla sostenibilità, offrendo la possibilità di personalizzare le stazioni e le biciclette. 

Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    31/01/2015 - 18:00
    Mobilità
    A Milano il bike sharing si espande: 3 nuove stazioni BikeMi

    Sono attive da ieri tre nuove stazioni di BikeMi a Milano, collocate tra via Farini e via Quadrio, in piazza Bonomelli e tra viale Brianza e via Venini. Tutte e tre saranno di tipo monofacciale e metteranno a disposizione 36 stalli.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Mobilità
    BikeMi ''progetto d'oro''

    Il bike sharing milanese premiato al convegno "Mobilità (davvero) sostenibile", come migliore iniziativa del 2009. L'assessore Coroci: "Un importante riconoscimento e un incoraggiamento a promuovere ed ampliare il servizio a due ruote" .

  • Leggi
    11/05/2015 - 19:00
    Mobilità
    BikeMi, a Milano le nuove biciclette elettriche

    Più di centinaio di milanesi hanno festeggiato sabato scorso il debutto delle nuove bici elettriche di BikeMi con una pedalata collettiva "assistita" sulle due ruote rosso fiammante dalla Stazione Centrale a piazza Duomo.

  • Leggi
    14/01/2016 - 18:00
    Mobilità
    BikeMi: superati i 45mila abbonati, risparmiati 4 mln di kg di Co2

    Nel 2015 abbonamenti cresciuti del 53% rispetto al 2014, le bici hanno percorso il giro del mondo 507 volte. Maran: “Successo straordinario consolidato anche nei mesi più freddi”.