14/02/2017 - 18:26

Scuter: il primo ciclomotore elettrico a 3 ruote da utilizzare in sharing

Ogni giorno nelle principali città del mondo 33 milioni di persone si muovono per andare a lavoro passando in media 93 ore nel traffico.
ciclomotore elettrico
Un mercato totale che arriva a toccare i 65 miliardi annuali e che genera un aumento costante di CO2 e di inquinamento atmosferico che non è possibile quantificare. Per questo nasce Scuter, che dal 20 dicembre si è affacciato sul mercato degli investitori sulla piattaforma di Mamacrowd con il claim di: “Save Time, Save Money, Save the Planet”. Ad oggi sono stati raccolti più di 90 mila euro, più della metà del budget richiesto dal primo round di crowdfunding. Perché il tre ruote, ideato dalla omonima startup romana è smart, sempre connesso in cloud e permette di risparmiare tempo grazie alla sua maneggevolezza nel traffico e all’intelligenza di bordo che indica percorsi alternativi nel traffico e segnala in tempo reale i cambiamenti della segnaletica stradale. È sostenibile perché essendo 100% elettrico azzera le emissioni inquinanti. È disponibile esclusivamente in sharing perché non esiste in commercio ma è prodotto solo per il trasporto condiviso. È economico e conveniente anche per le tasche degli utenti: nessun costo di acquisto, di manutenzione, di assicurazione, tasse e gestione rispetto ad un veicolo di proprietà.

Investire in Scuter significa investire in un mercato nuovo ed in crescita esponenziale, grazie allo sviluppo della sharing economy e della mobilità elettrica. E inoltre, la legge di Bilancio 2017 riforma le agevolazioni per chi investe in startup, per tutti gli investitori le agevolazioni saranno del 30% senza differenza per tipologia di startup. E con Mamacrowd si investe direttamente online entrando nella piattaforma. Obiettivo della campagna è raccogliere €150k per avviare l’attività B2B e testare veicolo e piattaforma in vista del lancio del servizio B2C.

Come spiega il CEO, Gianmarco Carnovale: "Scuter inizierà la sua attività sul mercato b2b. Offriremo il nostro servizio di flotte operative ad aziende che hanno collaboratori che si muovono (forza vendita, professionisti, servizi di delivery) offrendo l’opportunità di fornire ai propri dipendenti un mezzo che riduce i tempi di spostamento, può circolare nelle ZTL, è brandizzabile, facile da guidare, e ha costi convenienti. Lanciare sul Business permette di avere costi di acquisizione clienti minori e di testare al meglio il mezzo. Successivamente andremo sul mercato consumer partendo da Roma per poi estendere ad altre città: il mezzo potrà essere prenotato, preso e parcheggiato ovunque all’interno del perimetro di servizio, si pagherà per il tempo di utilizzo".
Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    03/06/2013 - 17:00
    Mobilità
    A Grosseto il primo bus elettrico da 12 metri d'Europa

    La città di Grosseto compie un concreto passo nell'ambizioso progetto che punta a rendere il capoluogo maremmano una Smart City. E' infatti entrato in servizio il primo bus elettrico d'Europa da 12 metri nell'ambito del progetto E-life, che ha dato vita ad una joint venture in partnership con...

  • auto elettriche
    Leggi
    10/02/2017 - 12:02
    Mobilità
    Auto elettriche energivore, dove troveremo l'energia necessaria?

    In Francia le previsioni non lascino molti dubbi, nel 2030 le auto elettriche assorbiranno un terzo dell'energia disponibile. Ritorna di moda il problema dell'approvvigionamento energetico.