27/05/2014 - 19:09

Risparmiare sulla energia durante estate: ecco alcuni consigli

Con arrivo dellaestate una delle preoccupazioni delle famiglie è il costo che dovranno sostenere per rinfrescare le proprie abitazioni. Ecco una guida.
Come in ogni estate i condizionatori sono i protagonisti indiscussi della stagione, i migliori amici per chi non sopporta le temperature alte, soprattutto quando si trova in città e vorrebbe riposare dopo una lunga giornata passata al lavoro, al caldo. Quello che però preoccupa di più è la spesa che questi elettrodomestici comportano. Un modo per risparmiare è sicuramente quello di confrontare le tariffe dell’energia elettrica offerte dalle varie compagnie del settore, informandovi tramite il web sui siti di comparazione o semplicemente andando sui singoli siti delle compagnie.
 
Ad ogni modo, per capire quale sia la tariffa più conveniente per le proprie tasche e adatta in base alla spesa mensile, ecco che viene proposto un vademecum per l’estate con ulteriori informazioni utili al risparmio sulla bolletta dell’energia. Innanzitutto, la prima cosa quindi da fare è quella di acquistare il modello più adatto. Il risparmio, infatti, inizia con l’acquisto di un condizionatore efficiente e idoneo alla metratura dell’abitazione. Il consiglio che si può dare è quello di acquistare, come suggerisce anche la guida di Altroconsumo, un modello di classe A o superiore, se da una parte questi elettrodomestici valgono di più, con il tempo permetteranno un ottimo margine di guadagno.
 
Non solo, chi acquista un elettrodomestico di classe A o superiore può approfittare degli ecoincentivi che vengono rilasciati annualmente dallo Stato italiano. Esistono poi in commercio due tipi di condizionatori: monosplit e multisplit, entrambi più vantaggiosi in termini di risparmio ed efficienza dei monoblocco portatili poiché quando diffondono nell’aria non sprecano.
 
Altro consiglio molto importante, assolutamente da seguire è quello di razionalizzare il consumo. Infatti, non è sano per la salute né tanto meno per l’ambiente e il portafoglio, lasciare sempre acceso il condizionatore. Bastano infatti qualche ora al giorno e tenere le finestre oltre ad usare la funzione deumidificatore (funzione da attivare preferibilmente solo nel caso in cui i filtri vengano puliti regolarmente e se l’apparecchio è stato installato lontano dalla luce diretta del sole). 
 
Altro consiglio da seguire vivamente è quello di non esagerare con la temperatura interna dell’abitazione, non solo lo sbalzo termico non giova alla salute in alcun modo, ma si spende molto di più per mantenere una casa molto fresca. La soluzione migliore è quella di impostare la temperatura del condizionatore di sei o sette gradi inferiore alla temperatura esterna.
 
Ovviamente poi le spese possono subire delle oscillazioni in relazione al numero di persone e al numero di metri quadrati di un’abitazione. Prendendo ad esempio una famiglia composta di quattro persone residenti in un trilocale di 90 mq, una coppia in un bilocale di 70 mq e un single in un monolocale di 35 mq si possono ottenere tali dati:
 
Ipotizzando a quanto potrebbero spendere tenendo acceso il condizionatore nell’ordine di 4,3 e 2 ore al giorno, si calcola che potrebbero spendere per i 90 giorni dell’estate tra gli 82, 42 euro per la famiglia ai 120 euro per i single. Infatti, è stato calcolato che una famiglia consuma per questo periodo di tempo una media tra 533 kWh (per un multisplit) e 592 kWh (per un monosplit) ad una cifra che varia tra 86,51 a 82,42 euro.
 
Una coppia invece per una media tra 403 kWh (per un condizionatore multisplit) e 448 kWh (per uno monosplit) spende tra 102,48 a 108, 83 euro. Infine un single spende tra 261 (per un multisplit) a 290 kWh (per un monosplit) una cifra intorno agli 86,51 e 82,42 euro. 
 
Come commenta Andrea Manfredi, Amministratore Delegato di SuperMoney: “Il condizionatore, come tutti gli elettrodomestici, è di grande aiuto in casa ma non bisogna abusarne, anche perché accendendolo insieme agli altri apparecchi la bolletta può salire troppo. La soluzione per abbattere i costi dell’energia domestica parte quindi dalla tariffa più adatta ai nostri consumi, che ci consenta di mantenere le nostre abitudini senza spendere più del dovuto”.
SuperMoney
autore

condividi su