13/03/2020 - 18:15

Ripartire dal Made in Italy per lasciarsi alle spalle il coronavirus

Uno studio sulle ricerche online fatte nell’ultimo anno, per individuare le preferenze della rete e i brand sui quali puntare per aiutare la ripresa economica. Moda e auto i settori con le migliori prestazioni, con Gucci, Ferrari e Benetton ai primi posti.

semrush made in Italy

Con l’entrata in vigore del DPCM dell’11 marzo 2020, è stata imposta la chiusura di negozi, centri estetici, bar, ristoranti e di tutti quegli esercizi commerciali che non vendono beni di prima necessità o di pubblica utilità. Per l’Italia questo si traduce in uno stop forzato senza precedenti, che potrebbe avere serie ripercussioni sull’intera economia nazionale. Un intervento che si è reso necessario per combattere la diffusione del coronavirus, con la speranza di tornare quanto prima alla normalità. In attesa di quel momento, SEMrush ha analizzato le ricerche online effettuate nell’ultimo anno dagli utenti di tutto il mondo, individuando per alcuni dei principali settori del made in Italy, quali fossero i brand che suscitano maggiore interesse, in Italia e nel resto del mondo.

“La scelta di realizzare questo studio – spiega Fernando Angulo, Capo della Comunicazione di SEMrush – è stata dettata dal desiderio di contribuire in qualche modo a superare questa situazione. Quando l’emergenza sarà terminata, e tutte le aziende e i negozi italiani potranno ricominciare a lavorare a pieno ritmo, cercando di ritrovare la normalità perduta, vogliamo che possano contare anche su una conoscenza più approfondita delle preferenze del pubblico. Del resto, la conoscenza è sempre lo strumento principale cui far riferimento per superare i momenti difficili”.

TOP 5 GENERALE
 
ITALIA
Gucci - 499.308 ricerche mensili in media
Ferrari - 296.462 ricerche mensili in media
Benetton - 259.077 ricerche mensili in media
Fiat - 245.615 ricerche mensili in media
Alfa Romeo - 190.615 ricerche mensili in media

MONDO
Gucci - 7.398.462 ricerche mensili in media
Lamborghini - 4.396.154 ricerche mensili in media
Ferrari - 2.641.538 ricerche mensili in media
Versace - 2.432.308 ricerche mensili in media
Fiat - 2.019.231 ricerche mensili in media
 
Prendendo in esame i primi 5 marchi che hanno ottenuto un riscontro maggiore, notiamo che questi fanno parte di due dei settori in cui il made in Italy eccelle in particolar modo: la moda, con Gucci e Benetton, e le automobili, con Ferrari, sogno intramontabile per moltissime persone in tutto il mondo, ma anche Fiat e Alfa Romeo. Estendendo lo sguardo al resto del mondo, notiamo che la situazione non cambia poi molto. Sono sempre il settore della moda e dell’automobilismo a fare la differenza, ma i brand non sono tutti gli stessi. Gucci (sempre al primo posto), Ferrari e Fiat sono presenti anche qui, insieme a Lamborghini e Versace.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    30/11/2012 - 14:00
    Ambiente
    Accordo sull'impronta di carbonio nel settore moda

    Il ministro dell'ambiente Corrado Clini e Brunello Cucinelli hanno firmato a Solomeo (Perugia) un accordo di collaborazione che prevede il calcolo dell'impronta ambientale dei prodotti dell'impresa umbra che sta ottenendo importanti successi nel mercato internazionale del fashion.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Mobilità
    Automobilisti italiani e ambiente: binomio convincente!

    Sensibili e rispettosi dell’ambiente, l’Osservatorio sui Servizi di Linear Assicurazioni, la compagnia on line del gruppo Unipol, svela il lato “green” degli automobilisti italici.

  • Coronavirus, smartworking
    Leggi
    25/02/2020 - 11:16
    Attualità
    Coronavirus e smartworking: ecco i consigli per chi lavora da casa

    La società di consulenza Methodos, ha stilato un vademecum per i capi e per i lavoratori che si trovano per la prima volta a sperimentare il lavoro agile. «Per le aziende e per i dipendenti sarà un cambiamento culturale»