11/10/2016 - 14:29

Rinnovabili: manca poco al tetto massimo degli incentivi per le rinnovabili non fv

Secondo i dati diffusi dal GSE, lo scorso 31 agosto, il contatore delle fonti rinnovabili non elettriche ha toccato quota 5,425 miliardi di euro di incentivi. Mancano circa 400 milioni di euro al tetto massimo di 5,8 miliardi di euro che determinerebbe il blocco delle richieste di incentivazioni.
Il GSE con cadenza mensile calcola il "costo indicativo medio" degli oneri inerenti le rinnovabili non fotovoltaiche. Al 31 agosto il costo indicativo medio è pari a 5,425 miliardi di euro. Al raggiungimento di tale somma contribuiscono gli incentivi riconosciuti agli impianti CIP6 (per 166 milioni di euro), gli ex Certificati Verdi (per 3,15 miliardi di euro) e le Tariffe Onnicomprensive (per 1,86 miliardi di euro) e gli impianti incentivati mediante il Conto Energia per il solare termodinamico e quelli in esercizio ai sensi del DM 6/7/2012 e del DM 23/6/2016 (per 2,6 milioni di euro). Il costo indicativo medio segna ancora una volta un andamento negativo proprio come il mese precedente determinato da un mix di fattori. In linea invece, rispetto ai due anni precedenti, il prezzo medio dell'energia,pari a 46,57 €/MWh.
Tommaso Tautonico
autore

condividi su