01/01/2013 - 01:00

Rifiuti: vademecum per le terre e rocce da scavo

La disciplina delle terre e rocce da scavo ha da sempre suscitato molta incertezza tra gli addetti del settore a causa della sua difficile collocazione rispetto alla nozione di rifiuto. Il presente "vademecum" vuole costituire un valido strumento per orientarsi.
La notevole produzione normativa in materia di rifiuti, degli ultimi anni, non ha certamente aiutato i soggetti pubblici e privati a districarsi tra i differenti livelli normativi (nazionale, regionale, provinciale e comunale) che caratterizzano la materia.

Anche la Corte di Cassazione con la recente sentenza n. 19439 del 23 maggio 2012 ha cercato di fare il punto sulla normativa in questione.

Il presente "vademecum" vuole costituire un valido strumento per orientarsi nel mondo delle "terre e rocce da scavo" attraverso l'individuazione della disciplina applicabile a seconda che tali materiali rientrino nella categoria dei rifiuti, dei sottoprodotti o delle materie prime seconde.

(autore: Avv. Giulio Forleo)
Redazione
autore

condividi su