13/06/2017 - 16:21

Rifiuti nucleari, decine di Comuni con bilanci a rischio. L’allarme dell’Anci

Alessandro Portinaro (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani Anci): “ lo Stato deve onorare un debito di 30 milioni di euro nei confronti dei Comuni che sono sede di servitù nucleari”.
“Decine di enti hanno gli investimenti bloccati, e alcuni hanno i bilanci a rischio: il governo si impegni a garantire da subito i circa 30 milioni di debito nei confronti dei Comuni sedi di servitù nucleari, relative agli anni 2014 e 2015. 
I ristori, previsti per legge, sono fermi al 2013, e la situazione è diventata insostenibile”. 

Lo afferma Alessandro Portinaro, sindaco di Trino e presidente della consulta dell’Anci dei Comuni sedi di servitù nucleari, al termine della riunione di oggi nella sede dell’Anci a Roma.

“I cittadini continuano a pagare in bolletta una quota per lo smantellamento dei siti nucleari – spiega Portinaro - che per legge dovrebbe poi essere destinata, in parte, ai Comuni sedi di servitù e a quelli limitrofi. 
Una settantina di enti in tutto, che però non solo hanno visto decurtare del 70% e in modo arbitrario la quota a loro spettante, ma da tempo non ricevono neanche quel restante 30%. 
Eppure, per legge, quei fondi vanno inseriti nei nostri bilanci, e utilizzati per progetti di riqualificazione ambientale
E invece, con lo Stato che non onora il suo debito, gli investimenti sono fermi, e decine di Comuni rischiano il default”.

“A questo punto – prosegue il rappresentante della consulta Anci – si pone anche un problema di trasparenza rispetto all’utilizzo dei soldi pagati da tutti i cittadini nella bolletta elettrica per lo smantellamento dei siti nucleari
Che fine fanno? 
Come vengono utilizzati? 
Per quanto riguarda l’indebita decurtazione della quota spettante ai Comuni è aperto un contenzioso – ricorda Portinaro - ma se intanto non ci viene garantito almeno il restante 30%, ovvero circa 30 milioni, il rischio per le finanze dei Comuni coinvolti è altissimo”.

Portinaro, infine, ricorda che “siamo ancora in attesa di conoscere sia la carta nazionale delle aree potenzialmente idonee per la realizzazione del deposito unico nucleare nazionale, sia il programma nazionale di gestione dei rifiuti nucleari, rispetto al quale siamo in piena procedura di infrazione UE, il cui costo si scaricherà sempre sui cittadini”.
Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Ambiente: ecco come abbiamo battuto il nucleare

    Il Web contro il silenzio dei telegiornali, l'azione allo Stadio Olimpico per parlare a tutti gli italiani, la storia dei "pazzi", prima nella casa poi nel bidone sul Pincio a Roma, per ricordare che Fukushima non era stato un "semplice" incidente. Sono queste le armi che ha usato Greenpeace per...

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Agli italiani il nucleare non conviene

    Trapelano nuove informazioni sulle potenziali sedi di centrali nucleari, si parla del Veneto ma di ufficiale non c'è ancora niente. Intanto conviene chiedersi ma agli italiani, conviene il nucleare? Quali vantaggi avrebbe dal punto di vista economico?

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Fossili
    Agenzia per la Sicurezza Nucleare: ecco le nomine

    Il Consiglio dei Ministri ha nominato i componenti del consiglio direttivo dell'Agenzia per la Sicurezza Nucleare. Il presidente Umberto Veronesi, nominato su indicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri sarà affiancato da Maurizio Cumo e Marco Enrico Ricotti, scelti dal Ministro dello...

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Fossili
    'No al nucleare, sì alle rinnovabili per uscire dalla crisi economica e climatica'

    Consegnata al Parlamento la proposta di legge d’iniziativa popolare per lo sviluppo dell’efficienza energetica e le fonti rinnovabili. Legambiente ribadisce l'importanza che l’Italia adotti politiche capaci di spingere l’innovazione energetica e di una legge che dia certezze e regole chiare.