10/05/2017 - 10:34

A Ravenna 2017 si parla del riciclo della plastica NON da imballaggi

Plastica NON da imballaggio: un contributo agli obiettivi di riciclaggio del pacchetto sull’Economia Circolare. Workshop in programma a Ravenna2017. Come valorizzare le circa 800.000 ton/anno di plastica non da imballaggio presenti nei rifiuti urbani? Quantità costi e modelli organizzativi di una possibile raccolta differenziata saranno discussi a Ravenna il 18 maggio dai principali stakeholder della filiera plastica.

Il nuovo pacchetto sull’Economia circolare che la Comunità Europea si appresta a rendere operativo prevede un drastico innalzamento degli obiettivi di riciclo di materia: il Consiglio Europeo ha approvato per il 2030 l’obiettivo del 70% medio e portato al 50% dell’immesso al consumo quello della plastica. 
 
In questo contesto risulta di particolare interesse ogni azione che possa contribuire a raggiungere questi ambiziosi obiettivi.
 
Il workshop “Plastica non da imballaggio nei rifiuti urbani: analisi e proposte di gestione”, previsto per il 18 maggio nel contesto della decima edizione di “Fare i conti con l’ambiente”, analizza l’attuale filiera e le opportunità di valorizzazione attraverso la raccolta differenziata della plastica NON da imballaggio ed è realizzato nell’ambito del progetto “Life Replace Belt” (LIFE 13 ENV IT 000477) co-finanziato con il bando 2013 del Programma LIFE+.
 
Ad oggi la plastica non da imballaggio non ha una sistema di riciclo organizzato e strutturato, a differenza della plastica da imballaggio che gode di una specifica filiera di recupero presidiata in Italia dal Consorzio COREPLA. 
Le analisi che verranno presentate hanno stimato un’incidenza complessiva sul rifiuto urbano di circa 13 kg/abitante*anno di questa frazione, pari a 800.000 ton/anno su base nazionale. Una quantità non trascurabile!
 
Il Workshop, aperto al pubblico, intende avviare un dibattito tra i principali stakeholder della filiera (COREPLA, IPPR, UNIONPLAST) e col mondo accademico (Università di Bologna) sulla raccolta e destino delle frazioni plastiche, a partire dai dati concreti che verranno presentati per la prima volta. 
 
In particolare lo studio condotto da ETRA spa e Sintesi srl approfondisce le modalità di gestione della plastica non da imballaggio post-consumo contenuta nei rifiuti urbani che solitamente non viene, o viene in misura ridotta, destinata a riciclo: nel seminario verranno resi noti i dati ottenuti intervistando decine di gestori e centinaia di utenti sulle modalità di raccolta di questa particolare frazione, e presentato un piano per ottimizzarne la gestione corredato dai relativi costi.
 
 
 
PROFILO MANIFESTAZIONE
Ravenna2017 si conferma una delle manifestazioni “green” più originali del panorama italiano, con un format che miscela contenuti dall’alto valore tecnico-scientifico calati all’interno di un “palcoscenico” particolare come il centro storico di un delle principali città d’arte italiane. 
Efficace e originale è anche lo sviluppo "dal basso" dell'iniziativa, con il coinvolgimento di tutti gli attori (istituzioni, associazioni di categoria, imprese, ecc) attraverso la regia di Labelab, con un team di professionisti operante nel settore dei rifiuti, dell’acqua, dell’energia. 
Viene mantenuta la struttura delle passate edizioni con una programmazione integrata di Conferenze, Workshop, Labmeeting (Seminari tecnici) ed Eventi Culturali. 
Sono inoltre ospitate tre Scuole di Alta Formazione sui Rifiuti, Bonifiche e Sistemi Idrici organizzate in collaborazione con i principali centri di ricerca italiani ed esteri.
Main Sponsor ENEL Spa, HERA Spa, SGM Ingegneria, Ferrara, VEOLIA
 
CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE E ISCRIZIONE
“Ravenna2017 - Fare i conti con l’ambiente” mantiene e rafforza il carattere OPEN già sperimentato nelle precedenti manifestazioni. Tutte le iniziative sono gratuite con la sola esclusione delle Scuole di formazione organizzate da partner e istituzioni esterne. 
È consigliabile l'iscrizione anticipata per la partecipazione ai singoli eventi. 
L’iscrizione ai LabMeeting, Workshop, Conference può essere effettuata direttamente online nel sito www.ravenna2017.it, previo inserimento dei dati richiesti e consenso al trattamento dei dati personali ex D.Lgs. 196/03.
 
A TUTTA FORMAZIONE – RICONOSCIUTI CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI - CFP
A tutta formazione ! Ravenna2017 offre la possibilità di sviluppare un percorso specifico di formazione professionale con diversi eventi riconosciuti dagli Ordini professionali per l’attribuzione di crediti formativi professionali. Sono in corso le procedure con l’Ordine Ingegneri, Avvocati,  Geometri e altri Ordini.
 
LABELAB
Labelab, società specializzata nei settori del ciclo dei rifiuti, dell’acqua e dell’energia, dal 2001 opera all’interno dei sevizi pubblici locali, svolgendo attività di progettazione e consulenza ambientale, unitamente a servizi specifici di settore. Essi vanno dall’ideazione e gestione di eventi settoriali alla formazione specialistica, dallo sviluppo di software alla realizzazione di portali web, fino al benchmarking per i settori di competenza. 
 
Il laboratorio Labelab, costituito da un team interdisciplinare di professionisti, pone al centro della sua attività varie tematiche ambientali, con particolare attenzione ai seguenti settori: rifiuti, acqua, energia, bonifiche, aria e mobilità. Portatrice di un approccio innovativo e pionieristico, Labelab opera sul mercato italiano da oltre quindici anni sviluppandosi con un crescendo costante e acquisendo dimensioni, know-how specialistico e capacità operative tali da farne un punto di riferimento e una realtà unica nel panorama di settore del nostro Paese. 
 
Nel campo del ciclo dei rifiuti in particolare – nel quale è impegnata sin dalle origini e vanta referenze di grandissimo prestigio – Labelab si è conquistata una leadership ampiamente riconosciuta da operatori ed esperti. 
 
Sin dalla nascita, Labelab ha svolto la sua attività di business in modo proattivo e con la massima apertura verso gli operatori dei vari settori, con l’obiettivo di “fare cultura” e di diffondere – nell’interesse di tutti, operatori, istituzioni, clienti, cittadini – le conoscenze acquisite e le esperienze maturate. 
 
Ciò le ha fatto indossare anche i panni di organizzatore di molteplici iniziative “open content”, di tipo no-profit, che hanno aggregato un amplissimo network di operatori e che si sono affermate come pietre-miliari nello sviluppo delle conoscenze e delle competenze nel campo ambientale.
Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati