22/11/2021 - 17:56

Quanta CO2 produci coi tuoi rifiuti? Scoprilo col test “Carbon Wasteprint”

Il quiz, elaborato dallo studio WasteLab e da Junker app, ti consente di calcolare l’impatto ambientale della tua utenza nella gestione dei rifiuti. E se poi vuoi alleggerire la tua impronta, segui sui social di Junker la campagna “Libera la zebra”, con tanti consigli di sostenibilità.

carbon wasteprint

Ormai tutti sappiamo che le nostre scelte e azioni quotidiane hanno un impatto sull’ambiente. Ma fino a che punto? E soprattutto: si può calcolare questo impatto a livello di singolo cittadino? La risposta è sì! Lo studio associato WasteLab e il team di Junker app hanno infatti elaborato un test per tradurre l'impatto delle nostre azioni individuali riferite al conferimento dei rifiuti domestici in termini di CO₂. Il test “Carbon WastePrint” - questo il suo nome - è stato candidato quest'anno come azione nell'ambito della SERR, la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, che si svolge dal 20 al 28 novembre.

Il test si fonda sulla metodologia Carbon WastePrint, un modello matematico validato da RIINA Service Spa, che associa ad ogni frazione di rifiuto raccolta un fattore di emissione, consentendo così di calcolare la quantità di CO2 prodotta dalla singola utenza nella gestione dei propri rifiuti. Il primo passo è seguire l’esempio degli oltre 2 milioni di italiani, che hanno già scaricato gratuitamente l’app Junker. A quel punto il quiz è accessibile dal menù “Servizi", cliccando sull’apposito bollone. Prima di iniziare a rispondere alle domande, bisogna selezionare il nome del proprio Comune e inserire il numero di componenti del proprio nucleo familiare. Rispondendo a poche, semplici domande, ciascuno potrà scoprire qual è la sua impronta ambientale all'interno della gestione dei rifiuti del proprio Comune, autovalutandosi come utente virtuoso, inerte o pigro. Avrà inoltre la possibilità di comparare il proprio risultato col punteggio medio del proprio Comune.

Ma che cosa fare se dovesse risultare che la propria impronta ambientale nella gestione dei rifiuti è alta? “Il nostro motto - dichiara Noemi De Santis, responsabile comunicazione di Junker app - è che un cittadino più consapevole è un cittadino protagonista del cambiamento. Per questo, oltre a mettere a disposizione degli italiani questo test, invitando ciascuno a condividerlo con i propri amici e parenti, abbiamo pensato di proporre anche un coaching di sostenibilità a tappe, liberamente accessibile sulle nostre pagine Facebook e Instagram”. Qui i cittadini troveranno tante semplici, ma efficaci buone pratiche per “Liberare la Zebra” della sostenibilità che è in loro, ragionando su quattro temi principali: la prevenzione e la riduzione dei rifiuti, il riuso e la riparazione, la raccolta differenziata e il riciclo, lo sharing.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    30/11/2012 - 14:00
    Ambiente
    Accordo sull'impronta di carbonio nel settore moda

    Il ministro dell'ambiente Corrado Clini e Brunello Cucinelli hanno firmato a Solomeo (Perugia) un accordo di collaborazione che prevede il calcolo dell'impronta ambientale dei prodotti dell'impresa umbra che sta ottenendo importanti successi nel mercato internazionale del fashion.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Carbon Footprint: calcolare e comunicare l'impatto dei prodotti sul clima

    La Carbon Footprint di prodotto (CFP) è lo strumento ideale nella costruzione di una nuova dinamica produttore-consumatore. Quantificare e comunicare l'impronta climatica di un prodotto vuol dire aumentare la trasparenza sulle azioni che un'azienda compie per la gestione delle emissioni di gas...

  • Raccolta differenziata 4.0
    Leggi
    25/06/2020 - 19:13
    Ambiente
    Raccolta differenziata 4.0: con Junker per riconoscere un rifiuto basta scattare una foto

    L’app per la raccolta differenziata più scaricata d’Italia lancia una nuova funzione sperimentale: da oggi per riconoscere i materiali e sapere sempre dove gettarli basta scattare una foto. L’ideatore: “Una tecnologia mai applicata prima in questo settore”  

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    A Torino lezioni sulla raccolta differenziata

    Riciclalo giusto: da febbraio 2010 la nuova iniziativa di educazione ambientale di Amiat per le scuole superiori di Torino. Per la prima volta gli adolescenti protagonisti di un innovativo progetto multimediale.