03/03/2013 - 19:47

Progetto Lumiere per l'efficientamento energetico: numerosi i vantaggi

L'illuminazione pubblica rappresenta una consistente voce di spesa per le Amministrazioni Comunali. In questo contesto il progetto Lumiere dell' ENEA mette gratuitamente a disposizione dei Comuni aderenti una serie di vantaggiosi strumenti operativi finalizzati all'efficientamento energetico e alla promozione del c.d. "smart city".
L'illuminazione pubblica rappresenta una delle maggiori voci di spesa energetica delle Ammnistrazioni Comunali italiane. I comuni, inoltre, si trovano spesso a dover fronteggiare difficoltà di natura economica e tecnico-scientifiche che impediscono di implementare politiche energetiche efficienti volte alla riduzione dei consumi di energia.

Lumière è un progetto volto alla promozione dell'efficienza energetica nel settore dell'illuminazione pubblica finanziato nell'ambito dell'Accordo di Programma tra ENEA e Ministero dello Sviluppo Economico.

L'adesione è gratuita e non comporta alcun obbligo per le amministrazioni comunali. Il progetto, nonostante abbia come destinatari privilegiati i Comuni, è aperto all'adesione e alla collaborazione di tutti coloro che direttamente o indirettamente operano nel settore e promuovono la sostenibilità ambientale. ENEA ha individuato nel settore dell'illuminazione pubblica notevoli potenzialità di risparmio energetico grazie alla presenza sul mercato di tecnologie innovative e di modelli tecnologici di riferimento potenzialmente replicabili su scala nazionale.

Aderendo al progetto Lumiere i Comuni conseguono vantaggi significativi:
1. audit energetici gratuiti;
2. facilitazioni nella programmazione e realizzazione degli interventi di riqualificazione energetica degli impianti di Illuminazione Pubblica;
3. Workshop di trasferimento a partecipazione gratuita per gli addetti comunali del settore;
4. inoltre, il progetto mette a disposizione dei modelli di riferimento (soluzioni tecnologiche, casi pilota realizzati, modello di audit, analisi di consistenza, PRIC, bando pubblico, contrattualistica, procedure), Linee Guida, Rapporti Tecnici, Relazioni ecc, per facilitare la promozione dell'efficienza energetica e lo sviluppo tecnologico, economico, urbanistico e sociale del settore dell'illuminazione pubblica.

Tra gli strumenti usufruibili gratuitamente si segnala il City Performance Profiler, un software realizzato in collaborazione con CRIET - Università degli Studi di Milano-Bicocca (www.illumina.criet.unimib.it) per la valutazione economico-finanziaria dell'efficientamento energetico nell'illuminazione pubblica, il quale consente di ottenere informazioni circa le diverse azioni da intraprendere mediante una stima dei costi/benefici degli interventi.

Il Progetto rinvia direttamente alla tematica delle c.d. Smart City, ovvero le città intese come un insieme di reti interconnesse (quali la rete di illuminazione pubblica, la rete dei trasporti, la rete elettrica, la rete dell'acqua e dei rifiuti, la rete delle relazioni sociali, ecc.) finalizzate a promuovere la sostenibilità nel senso più ampio del termine, con ricadute pratiche sulla qualità della vita tramite l'uso di tecnologie informatiche.

Lumiere in tal senso dà un opportunità concreta ai Comuni italiani di diventare "smart" attraverso lo sviluppo di servizi di illuminazione intelligente, nonché mediante l'efficientamento energetico degli edifici pubblici comunali e lo sviluppo della comunicazione tra cittadino e P.A. La tematica si intreccia strettamente con quella del Green Public Procurement (GPP) e del Patto dei Sindaci: infatti, la pubblicazione dei Criteri Ambientali Minimi predisposti dal Ministero dell'Ambiente con particolare riferimento all'illuminazione (D.M. n. 21 del 22/02/2011), ha apportato un valido contributo alla realizzazione di Gare d'appalto Verdi finalizzate all'acquisizione di materiale altamente efficiente dal punto di vista energetico; se a ciò si aggiunge che il GPP rappresenta una delle azioni previste dalle Linee Guida per la redazione dei PAES, il Progetto Lumiere può essere considerato un vero e proprio anello di congiunzione tra questi strumenti di sviluppo sostenibile.

(autore: Gpp Salento)
Redazione
autore

condividi su