08/06/2017 - 13:06

Premio del valore di 130mila euro per startup impegnate in economia circolare

La Fondazione Bracco apre la seconda edizione del bando per startup “Start To Be Circular”. Sostenibilità, riciclo e innovazione i concetti su cui puntare per vincere. Ci si può candidare dal 5 giugno al 3 novembre 2017.
La Fondazione Bracco, nell’ambito del suo "progettoDiventerò", l'iniziativa pluriennale  per accompagnare i giovani di talento nel loro iter formativo e professionale, per il secondo anno consecutivo lancia il bando “Start To Be Circular” con l’obiettivo di offrire un’opportunità concreta a giovani imprenditori di inserirsi nel mercato con iniziative che impattino su importanti fasi del ciclo produttivo, contribuendo a ridisegnare così il rapporto tra business e ambiente

Questo nella convinzione che, per costruire un futuro sostenibile, due assi portanti siano l’imprenditorialità giovanile e un’economia sempre più circolare.
 
Il bando (scaricabile nell'allegato in fondo all'articolo) è promosso da Fondazione Bracco in collaborazione con la Fondazione Giuseppina Mai di Confindustria e Banca Prossima e con il supporto di Comune di Milano, Speed Mi Up, Fondazione Accenture e Federchimica.

Il bando si rivolge a startup innovative e non, già iscritte al Registro delle Imprese, oppure team di persone fisiche che intendono costituire entro 4 mesi dalla data di conclusione del bando una startup in Italia, anche se residenti all’estero o di nazionalità straniera. 

Per partecipare è necessario candidarsi dal 5 giugno al 3 novembre sul sito http://fondazionebracco.speedmiup.it

Le due startup più innovative, solide e internazionali vinceranno un premio complessivo di 10.000 euro a cui si aggiunge per le prime tre classificate un percorso di incubazione presso Speed Mi Up, l’incubatore dell’Università Bocconi, di Camera di Commercio di Milano e del Comune di Milano, oltre a possibili finanziamenti, per un valore massimo complessivo di 130.000 euro.

L’economia circolare si oppone al tradizionale ciclo produttivo lineare che prevede estrazione, produzione, consumo, smaltimento. 

In un pianeta con risorse energetiche e materie prime esauribili, l’obiettivo è quello trovare una soluzione allo spreco rimettendo in circolo materie già utilizzate in modo responsabile, perché siano utili in altre e nuove catene produttive. 

Sono le imprese e le startup ad avere questo ruolo, sfruttando innovazione e tecnologia.
 
#Start2BeCircular

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati