12/06/2017 - 12:47

Premiati i Comuni rinnovabili 2017: il futuro delle rinnovabili è già adesso

In Italia sono 40 i Comuni 100% rinnovabili dove le energie pulite soddisfano tutti i consumi elettrici e termici riducendo le bollette di cittadini e imprese. Premiati i Comuni di Cavalese (TN) e Castellamare di Stabia (Na) e tre aziende agricole e artigianali.
rinnovabili
E' stato presentato a Roma il dossier Comuni Rinnovabili 2017 di Legambiente, realizzato con il contributo di Enel Green Power e in collaborazione con GSE, che racconta il successo delle fonti pulite in Italia e il cambiamento che sta avvenendo nel territorio italiano con numeri, storie e buone pratiche. Il cambiamento che è in atto sul territorio è, inoltre, ben raccontato dalle eccellenze dei comuni 100% rinnovabili, e in particolare dal comune di Cavalese (TN), premiato quest’anno da Legambiente. Ci sono poi le amministrazioni e le aziende che si impegnano per la sostenibilità e l’innovazione come il comune di Castellamare di Stabia (Na), vincitore del premio buona pratica, e le tre aziende (Società Agricola Arte, Birrificio artigianale Lesster, Nuova Sarda Industria Casearia) vincitrici del premio rinnovabili e cibo di qualità unito all’innovazione in campo energetico.

I comuni del solare sono passati a 7.978, mentre sono 6.819 quelli che hanno almeno un impianto solare termico. Tra i comuni, il miglior risultato in termina di potenza installata su tetti e in relazione al numero di abitanti, arriva dal comune di Macra (CN), con una media di 165 MW/1.000 abitanti. In crescita anche i comuni dell’eolico che arrivano a quota a 904, di questi 293 si possono considerare autonomi dal punto di vista elettrico grazie all’eolico. La potenza installata è in crescita, pari a 9.257 MW, con 282 MW in più rispetto al 2015. Questi impianti, secondo i dati di Terna, hanno permesso di produrre 17,5 TWh di energia, pari al fabbisogno elettrico di oltre 6,5 milioni di famiglie. I Comuni del mini idroelettrico sono 1.489. Crescono anche i municipi delle bioenergie che arrivano a quota 4.114 per una potenza installata complessiva di 5.490 MW elettrici, 1.534 MW termici e 415 kW frigoriferi. Sono 590 i Comuni della geotermia per una potenza totale di 993 MW elettrici, 228,5 MW termici e 5,4 MW frigoriferi.

Dal dossier si evince che continua a crescere in Italia la generazione distribuita da energie pulite insieme all’innovazione energetica, accompagnata da un nuovo modo di essere cittadini prosumer (produttori-consumatori di energia) e dalla diffusione delle comunità dell’energia. In dieci anni in Italia gli impianti da fonti rinnovabili sono passati da qualche centinaio a oltre un milione tra elettrici e termici. Crescono i comuni rinnovabili, passando da 356 (2005) a 7.978 (2016), oggi quindi in tutti i municipi italiani è installato almeno un impianto. Su 7.978 comuni 3021 producono più energia elettrica di quanta ne consumano le famiglie residenti, grazie a una o più fonti rinnovabili. Salgono invece a 40 i Comuni 100% rinnovabili, dove le energie pulite soddisfano tutti i consumi elettrici e termici riducendo le bollette di cittadini e imprese. Negli ultimi due anni sono stati realizzati 180mila impianti solari fotovoltaici, pari al 25% di tutti quelli installati in Italia - per un totale di 1.310 MW installati.


Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    11/05/2016 - 18:48
    Fossili
    Comuni Rinnovabili 2016: i comuni italiani scelgono l'energia pulita

    Si è tenuta questa mattina a Roma la presentazione dell'undicesima edizione del Rapporto Comuni Rinnovabile 2016, la mappatura dell'innovazione tecnologica e delle reti a partire dai Comuni italiani. In 39 Comuni le energie pulite soddisfano tutti i consumi e riducono le bollette di cittadini e...

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Fossili
    Legambiente, Sorgenia e i Comuni Rinnovabili

    Crescono i comuni rinnovabili. Sole, vento, acqua, terra, biomasse, Sorgenia e Legambiente disegnano la mappa di un' "Italia rinnovabile". Sono 6.993 i Comuni italiani dove è installato almeno un impianto di produzione energetica da fonti rinnovabili.