27/03/2019 - 16:38

Plasticless: il cestino che raccoglie la plastica in mare

Coop e LifeGate per ridurre l’inquinamento dei mari dalla plastica, grazie al progetto LifeGate PlasticLess. A Genova Sestri Ponente presso il Marina Genova è stato collocato il dispositivo Seabin capace di recuperare oltre 500 chilogrammi di rifiuti plastici all’anno, comprese le microplastiche e le microfibre.

raccogliere plastica in mare

Un dispositivo semplice ma utile per raccogliere in un anno oltre 500 chilogrammi di rifiuti plastici comprese le microplastiche e le microfibre. È il Seabin installato presso il Marina Genova - il polo turistico e nautico situato a Sestri Ponente, a poca distanza dall’Aeroporto e dal centro storico di Genova - grazie alla collaborazione fra Coop e LifeGate. Un gesto simbolico e al tempo stesso concreto che dimostra l’impegno da sempre primario per Coop nella lotta all’inquinamento da plastica e tale da viaggiare all’unisono con l’adesione, unica insegna della grande distribuzione e fra le 50 imprese italiane aderenti, alla “Pledging Campaign” su base volontaria lanciata dalla Commissione Europea. Le azioni sui prodotti annunciate, comprensive di riduzione, riciclo e riuso infatti permetteranno a Coop di raggiungere nel 2025 un risparmio totale di plastica vergine di 6.400 tonnellate annue, corrispondenti al volume di circa 60 Tir (circa una fila di 1 km di Tir in autostrada).

La lotta all’inquinamento da plastica parte dunque dai prodotti e arriva ora al mare e da qui l’incontro fortunato con la campagna “PlasticLess” promossa da LifeGate in collaborazione con Poralu Marine e l’ospitalità del Marina Genova. Con questa installazione, la seconda a Genova, sono 5 in totale i Seabin collocati nel Mar Ligure (gli altri a Varazze, Santa Margherita Ligure, Portofino e al Museo del Mare di Genova). Il Seabin è una soluzione efficace ed efficiente, un vero e proprio cestino che, galleggiando a pelo d'acqua, 'cattura' i rifiuti che incontra, dai più grandi fino alle microplastiche, mentre una piccola pompa espelle l'acqua filtrata. È in grado di lavorare 24 ore su 24, sette giorni su sette, pompa fino a 25.000 litri d'acqua marina all'ora e necessita di interventi minimi di svuotamento e pulizia. La consegna avviene nello stesso giorno della Quarta Assemblea dei Delegati di Ancc-Coop (l’Associazione Nazionale delle Cooperative di Consumatori), un appuntamento istituzionale che vede la partecipazione di circa 300 delegati da tutta Italia in rappresentanza dei soci delle cooperative.

“Abbiamo accolto favorevolmente la proposta di collaborazione con LifeGate –ha dichiarato Stefano Bassi, Presidente Ancc-Coop. Ci piace pensare di lasciare un segnale della nostra presenza nella città di Genova che abbiamo scelto come sede della nostra Assemblea anche per testimoniare la nostra vicinanza a una città duramente colpita. E ci piace che questo segnale vada nella direzione giusta, ovvero fare un ulteriore gesto concreto per migliorare l’ecosistema marino”.

“La scelta di collocare il Seabin a Sestri Ponente – commenta il Presidente di Coop Liguria Francesco Berardini – è particolarmente coerente, perché è un territorio nel quale la cooperazione è da sempre molto radicata e dove ha sede il nostro Centro Regionale di Orientamento ai Consumi, che progetta e organizza tutte le attività didattiche, divulgative e di sensibilizzazione promosse dalla nostra Cooperativa, molte delle quali proprio a sfondo ambientale, che ogni anno coinvolgono oltre 30 mila persone tra adulti e ragazzi”.

“Siamo fieri che Coop abbia condiviso con noi l’importante sfida nella lotta all’inquinamento da plastica nei mari aderendo al progetto LifeGate PlasticLess, un’iniziativa concreta che ha l’obiettivo di sconfiggere una reale minaccia per l’intero ecosistema – commenta Enea Roveda, CEO di LifeGate – Cresce nelle aziende la consapevolezza rispetto ai problemi ambientali globali e il desiderio di dare il proprio contributo per combatterli. LifeGate PlasticLess è la prima soluzione italiana innovativa per ridurre la plastica e le microplastiche nelle acque”.

“L’installazione di questo primo Seabin, resa possibile da Coop, segna l’avvio di un percorso che, attraverso l’adozione di altri dispositivi come questo, ci porterà a rendere i nostri specchi acquei liberi dalla plastica e il nostro Marina sempre più green – ha commentato Giuseppe Pappalardo, Amministratore Delegato di SSP, la società di gestione di Marina Genova – Il nostro impegno, quale importante realtà del Ponente genovese, riconosciuta a livello internazionale come polo di eccellenza della grande nautica da diporto, è quindi rivolto a mantenere alta l’attenzione sui valori di sviluppo sostenibile e di rispetto per l’ambiente. Quello di oggi rappresenta per noi un ulteriore, significativo, passo della nostra rotta verso la sostenibilità”.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati