15/05/2018 - 12:14

Più di 5 milioni di europei usano sacchi in Mater-Bi per l'umido

Una raccolta della frazione organica dei rifiuti efficiente, igienica e di qualità è possibile grazie all’utilizzo dei sacchi in MATER-BI, la bioplastica biodegradabile e compostabile di Novamont, che si adattano perfettamente a qualsiasi sistema di raccolta e di trattamento dei rifiuti organici in uso in Europa.

sacchi in Mater-Bi

A dimostrarlo sono le innumerevoli esperienze di municipalità italiane ed estere presentate da Novamont all’IFAT di Monaco, la fiera sui servizi ambientali e sulla gestione dei rifiuti in svolgimento dal 14 al 18 maggio 2018 (HALL A5 – BOOTH 323). Con il marchio MATER-BI Novamont produce e commercializza un’ampia famiglia di bioplastiche, biodegradabili e compostabili secondo lo standard UNI 13432, ottenute grazie a tecnologie proprietarie nel campo degli amidi, delle cellulose, degli oli vegetali e delle loro combinazioni, che permettono di evitare lo smaltimento in discarica, contribuendo alla creazione di compost di qualità, un alleato importantissimo per combattere la desertificazione e l’erosione dei suoli.

In Europa si producono 96 milioni di tonnellate di rifiuto organico ma solo il 30% di essi viene riciclato correttamente, mentre 66 milioni ancora oggi vengono conferiti in discarica, con ingenti costi ambientali, economici e sociali. Il rifiuto organico in discarica può, infatti, diventare estremamente pericoloso, perché produce percolato e gas metano che possono finire nelle falde acquifere con effetti negativi sulla salute dell’uomo e sul clima.

Con la recente Direttiva Rifiuti comunitaria che prevede l’obbligatorietà della raccolta differenziata del rifiuto organico in tutti i Paesi membri entro il 2023 e che dal 2027 soltanto il rifiuto organico proveniente dalla raccolta differenziata potrà entrare nel calcolo del riciclaggio - con un tetto massimo del 10% del rifiuto organico conferito in discarica entro il 2035 – è indispensabile dotarsi velocemente di modelli di raccolta efficienti e di successo come quello che Novamont presenterà a IFAT.

Tra le principali città europee che hanno adottato il modello di intercettazione della frazione organica con i sacchi compostabili in MATER-BI ci sono Milano, Parma, Treviso, Copenaghen, Roskilde (DK), Ginevra (CH), Kristiansand (Nor), Luleå (S), il quartiere Sarrià di Barcellona, Parigi (sperimentazione), Grenoble, Cardiff, Manchester e svariati quartieri londinesi per, complessivamente, circa 5.350.000 abitanti coinvolti e circa 312.000 tonnellate di frazione umida raccolta. Il 16 maggio, dalle 16 alle 18, padiglione B4-sala B42 di IFAT, Christian Garaffa, Marketing Manager for Source Separation & Recycling di Novamont, presenterà il modello Novamont per la raccolta dei rifiuti organici nel corso del workshop "Le best practice piemontesi nel settore del cleantech" organizzato dalla Regione Piemonte.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente

    "Italia", la nuova...

    Nasce Italia, la nuova linea di carta realizzata con pura cellulosa accoppiata per estrusione con il Mater-Bi® in grado di ridurre l'impatto sull'ambiente dei rifiuti post consumo.

  • Mater-Bi
    Leggi
    08/05/2017 - 16:03
    Ambiente

    A TuttoFood solo stoviglie compostabili...

    Accordo di partnership tra Novamont e Fiera Milano finalizzato a incrementare la raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente

    E' boom dei sacchetti in...

    Subito dopo l'entrata in vigore della legge che ha introdotto l'obbligo di utilizzo dei sacchetti biodegradabili e compostabili, Quibio.it aveva manifestato speranze ma soprattutto timori. Il rischio maggiore riguardava l'immissione sul mercato di biosacchetti contenenti una percentuale di plastica...

  • sacchetti bioplastica
    Leggi
    06/04/2018 - 15:52
    Ambiente

    Sacchetti bioplastica: la Campania...

    La recente normativa (legge 123/2017) dispone che le borse per alimenti sfusi utilizzate come imballaggio primario devono, oltre ad essere di spessore inferiore i 15 micron, essere biodegradabili e compostabili.