10/04/2020 - 19:11

Pasquetta: un virtual tour nel Palazzo dell’Acquedotto Pugliese

L'Acquedotto Pugliese per questi giorni di quarantena, propone un realistico e suggestivo virtual tour dello storico palazzo attraverso il sito web di AQP. L’appuntamento è al Palazzo di via Cognetti a Bari, per scoprire un autentico scrigno d’arte e approfondire la storia di Acquedotto Pugliese, uno tra i più grandi e importanti al mondo.

 

Acquedotto Pugliese

Lo storico palazzo di via Cognetti, a Bari, sede dell’Acquedotto Pugliese, con le sue raffinate architetture e le sue splendide decorazioni, ideate da Cambellotti e ispirate al fascinoso mondo dell’acqua, a portata di mouse sul sito web di AQP. E’ la proposta di Acquedotto Pugliese per questi giorni di quarantena,in linea con l’iniziativa delle più prestigiose istituzioni culturali - dai musei ai palazzi, dalle gallerie private ai parchi archeologici - impegnate nel rendere fruibile, anche a distanza, il proprio patrimoniostorico e artistico a tutti gli appassionati.

Un realistico e suggestivo virtual tour - l’idea originale per un’alternativa e, soprattutto, “legittima” gita “fuori porta” nella giornata di pasquetta - che consente a chi accede al portale dell’azienda idrica pugliese di girare in lungo e in largo tra sale, corridoi e ambienti di rappresentanza del palazzo, e di apprezzarne “da vicino” la bellezza, l’eleganza e lo stile assolutamente originale. Realizzato nel 1924 su progetto dell’ing. Brunetta, la sede dell’Acquedotto è un monumento alla grande epopea della conquista dell’acqua in una terra, come la Puglia, da sempre in lotta con la scarsità di risorse idriche.

Una storia, raccontata con simbolica efficacia e dovizia di particolari dal genio di Duilio Cambellotti, artista tra i più fecondi e incisivi della prima metà del Novecento, attraverso una ricca galleria di dipinti murali, sculture, mobili ed altri oggetti decorativi. Un patrimonio artistico, tra i più cospicui non solo in Puglia ma in tutto il Paese.

L’imponente e luminoso ingresso di via Cognetti, incorniciato dalle solide colonne e dal pregevole soffitto ligneo, la sala del consiglio con le vivide decorazioni murali; il museo con le scrivanie, i tavoli da disegno, le sedie, gli scaffali, tutti riccamente adornati con simboli tratti dal mondo dell’acqua, compresi gli scaloni, i corridoi e le vetrate sono pronti, oggi, ad “accogliere” il moderno viaggiatore telematico e a condurlo in un viaggio alla scoperta di un mondo, quello del Palazzo dell’Acqua, tra i più interessanti e singolari.

Un tour tra alcune, autentiche meraviglie dell’arte che, peraltro, restituisce a pieno il senso e il valore dell’acqua in una regione, la “siticulosa Apulia” di oraziana memoria, che su quel tesoro ha fondato gran parte del suo benessere e del suo progresso sociale.E allora, per pasquetta ma anche per tutti gli atri giorni, in quarantena e anche oltre, insieme o in alternativa alle visite guidate (non appena potranno riprendere), l’appuntamento è al Palazzo di via Cognetti, per scoprire un autentico scrigno d’arte e approfondire la storia di Acquedotto Pugliese, uno tra i più grandi e importanti al mondo.

Marilisa Romagno
autore

condividi su