21/06/2017 - 10:56

Parte Expedition med, la spedizione che studierà i rifiuti plastici in mare

Parte la campagna di Expedition Med dedicata allo studio della "plastisfera" l'inquietante ecosistema marino della plastica.
rifiuti plastici
Prenderà il largo domani, dal porto di Fiumicino, la campagna scientifica di Expédition MED 2017 che per due mesi - a bordo del veliero “Ainez” - solcherà le acque del Mediterraneo centrale e meridionale con l’obiettivo di studiare la cosiddetta “plastisfera”, il nuovo ecosistema di microorganismi marini e batteri che colonizzano e vivono sulle microparticelle di plastica degradata, di cui si nutrono, e che sono in grado di trasformarsi in barriere microbiche assolutamente distinte dalle altre comunità biologiche circostanti.

Secondo i biologi marini Linda Amaral-Zettler e Erik Zettler, alla cui attività di ricerca si deve la scoperta della plastisfera, trenta minuti dopo il suo arrivo in mare, un rifiuto plastico viene colonizzato da questi microorganismi e se si trova a galleggiare in un allevamento ittico è in grado di contaminarlo. L’équipe interdisciplinare di Expédition MED 2017 - composta da scienziati, oceanografi e volontari - studierà questo inquietante habitat, in grado di giocare un ruolo chiave nell’aggregazione e nel trasporto di sostanze chimiche tossiche e di microrganismi invasori degli ecosistemi marini e patogeni per l'uomo. Dal 22 giugno al 19 agosto Expédition MED percorrerà circa duemila miglia nautiche tra il sud del Mar Tirreno, il Mediterraneo meridionale (in particolare intorno all’isola di Lampedusa), il Mar Ionio e, infine, il Mar Adriatico, una delle zone a più alta densità di rifiuti plastici.

Fondata in Francia da Bruno Dumonted,  la ONG Expédition MED  è un programma di ricerca scientifica sulla plastica nel Mar Mediterraneo attraverso spedizioni marittime e la creazione di una rete internazionale di collaborazione. Oltre al sostegno della ricerca scientifica  con la creazione di un Laboratorio Cittadino delle scienze collegiali, Expédition MED si prefigge anche la missione di sviluppare una rete solidale internazionale costituita da centri di ricerca e da associazioni ambientaliste, attivi specificamente nello studio dei rifiuti plastici e nella lotta per la loro riduzione, di sensibilizzare e mobilitare il grande pubblico e i decision maker sui danni dei rifiuti plastici in mare nonché sostenere le soluzioni alternative alla plastica da fonti fossili.
Novamont è partner sostenitore dell’iniziativa da diversi anni nell’ambito del progetto di citizen science che comprende anche la collaborazione con Goletta Verde di Legambiente e Plastic Buster dell’Università di Siena

Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    16/03/2015 - 17:30
    Ambiente
    Plastic Paradise: il documentario sull'inquinamento marino da plastica

    18 marzo 2015 - h 21.00, Acquario Civico di Milano- Sala Vitman. L'invenzione della plastica sintetica ha dato il via all'era dei prodotti a perdere. Ermetica e incredibilmente malleabile, la plastica è stata un'invenzione perfetta: tuttavia la sua durabilità miracolosa rappresenta anche la sua...

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    "Un Sacco Bello'': Addio alle buste di plastica!

    Sarà presentato giovedì 7 Ottobre, alle 11.30 presso la sede della Regione Emilia Romagna a Bologna, "Un sacco bello", l'innovativo progetto del Comune di Zola Predosa (BO) per ridurre l'impatto ambientale derivante dai sacchetti di plastica, migliorare la raccolta differenziata sul territorio...