31/05/2016 - 16:00

Pacchetti di sigarette senza loghi nella Giornata Mondiale senza tabacco

Salute.

Il 31 maggio come ogni anno si festeggia la Giornata mondiale senza il tabacco. L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) pone l'attenzione sulle malattie correlate all'uso del tabacco e propone pacchetti di sigarette senza loghi.

Ricorre oggi, 31 maggio, la 28esima edizione della Giornata mondiale senza tabacco (World no-tobacco day 2016), appuntamento annuale istituito dall'Organizzazione mondiale della sanità.

L'Airc ricorda oggi i tristi numeri legati al tema del fumo: ogni anno si registrano nel nostro Paese 41mila casi di tumore al polmone e 32mila decessi a causa di malattie legate al fumo. Il tumore al polmone è la prima causa di morte per cancro in Italia.

Ma il fumo non danneggia solo i fumatori ma il fumo danneggia passivamente anche chi sta intorno, si stima che negli ultimi cinquant'anni abbia ucciso oltre 2 milioni e mezzo di persone. Provoca gravi problemi anche ai bambini, i neonati e i bambini che crescono in abitazioni di fumatori hanno più rischio di soffrire di otite, bronchite, raffreddore e problemi respiratori.

L'Istat rileva che nel nostro Paese gli uomini che fumano di più sono i giovani adulti di età compresa tra i 25 e i 34 anni con una percentuale del 26,4%; per le donne la fascia con maggiori fumatrici è quella giovane, dai 20 ai 24 anni con una percentuale del 20,5%. Il fenomeno è sempre più in crescita fra gli studenti delle scuole superiori.

Ma in gioco non c'è solo la salute. Gli esperti dell'American Cancer Society ricordano che il fumo oggi è tra le pratiche meno socialmente accettate: vi può costare caro in termini di amicizie, denaro e lavoro. Poi c'è l'aspetto economico, fumare costa, e parecchio. E' stimato che una persona che fuma 10 sigarette al giorno, considerando un costo medio di 5 euro a pacchetto, spende 17,5 euro a settimana, 75 euro al mese, 912,5 euro l'anno.

Dire addio alle sigarette. L'OMS pone al centro di questa Giornata la proposta di pacchetti di sigarette neutri, senza marchi e senza loghi. Il confezionamento anonimo delle sigarette fa parte di una serie di misure da attuare per "limitare o proibire l'uso di loghi, colori, immagini, marchi o informazioni promozionali al di là del nome del brand e del prodotto, da mostrare con caratteri standardizzati".

Questa misura è stata adottata nel 2012 in Australia e ha fatto abbassare in tre anni dello 0,55 per cento il consumo di tabacco tra i minori di 14 anni. La Cina solo da un anno ha introdotto il divieto di fumo nei locali pubblici anche se ci sono ancora dei posti dove si cerca di sfuggire ai divieti.

Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati