15/06/2016 - 22:06

Nuove etichette energetiche. Aires-Confcommercio: 'da Bruxelles rischia di arrivare l'ennesimo euromostro'

Approvato ieri dalla Commissione Industria, Ricerca e Energia (ITRE) del Parlamento Europeo il rapporto ‘Un nuovo quadro sull’etichetta energetica’ presentato dall’Onorevole Dario Tamburrano.
Davide Rossi, Direttore Generale della Aires-Confcommercio, dichiara:
“Apprezziamo il lavoro svolto e l'attenzione che l’Onorevole Tamburrano ha riservato alla nota che gli abbiamo illustrato nelle scorse settimane.
Tuttavia, nonostante i nostri sforzi, ha prevalso una certa mentalità burocratica e autoreferenziale delle Istituzioni Europee che ha portato alla decisone di tenere vuote le classi A e B per alcuni mesi, o forse addirittura anni, in attesa di nuovi modelli.
Siamo preoccupati per i contraccolpi che potrebbero verificarsi sul mercato a causa di questa decisione: è evidente che, se approvata in questa forma, la nuova normativa sarebbe una vera  e propria zavorra per le vendite,  già deboli per via delle condizioni economiche generali.
Ci appelliamo, dunque, al governo italiano affinché possa portare una voce di concretezza al dibattito in vista del cosiddetto 'trilogo', ovvero la trattativa tra gli Stati dell'Unione, la Commissione e il Parlamento Europeo prevista prima dell’adozione definitiva del regolamento”.

Aires, Associazione Italiana Retailer Elettrodomestici Specializzati, costituita nell'ottobre 2005, riunisce le principali aziende e gruppi distributivi specializzati di elettrodomestici ed elettronica di consumo, e aderisce a Confcommercio Imprese per l'Italia.

Gli associati sono Euronics (insegne Euronics e Euronics Point), Expert (insegne Expert, Comet, Grancasa, Sme), GRE (insegne Trony e Sinergy) e Unieuro.

Il fatturato totale nel 2015 è stato di oltre 8 Miliardi di Euro, con un numero di addetti stimabile intorno alle 16.000 unità e con oltre 180 imprese presenti sul territorio.

www.airesitalia.it
Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su