22/12/2016 - 19:20

Natale sostenibile. Consigli Comieco per il riciclo di carta e cartone

Arrivano le feste e Comieco (Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base cellulosica) con il Club Carta e Cartoni, come ogni anno, ricorda che la raccolta differenziata e il rispetto nei confronti delle risorse del nostro pianeta non vanno in vacanza, neanche d'inverno. Bastano semplici gesti quotidiani, a casa o al ristorante, come ad esempio chiedere una doggy bag per portare a casa gli alimenti avanzati che altrimenti verrebbero sprecati.
Natale sostenibile Comieco
Comieco ricorda che per un Natale amico dell'ambiente è possibile seguire altri comportamenti virtuosi, utili e che fanno anche tendenza: il consumo di carta e cartone aumenta in concomitanza con la "corsa ai regali".

A partire dagli imballaggi in carta, cartone e cartoncino è possibile dare vita a confezioni regalo originali, ad esempio  con vecchi cesti, vassoi e cassette della frutta, confezioni in cartoncino e sacchetti, anche il cartoncino cannettato delle confezioni di biscotti può essere molto utile!

A casa o al ristorante è facile trascorrere feste amiche dell'ambiente.
Dalle doggy bag ai consigli su come conferire correttamente le confezioni di pandoro e panettone, Comieco ricorda i comportamenti virtuosi e di tendenza da seguire, e i consigli utili per una corretta raccolta differenziata, anche sotto l'albero.

Comportamenti che ognuno di noi può facilmente mettere in pratica ma che non tutti ricordano: per questo Comieco risponde ai dubbi più comuni per rendere il Natale sempre più green e sostenibile grazie a carta e cartone:

1. La carta oleata di antipasti e affettati va nella carta?
No. La carta oleata non è riciclabile e va conferita nell'indifferenziato, a meno che non sia indicato sulla confezione che, se pulita, è riciclabile con la carta. Negli ultimi anni le imprese hanno sviluppato dei nuovi imballaggi riciclabili, è importante leggere le informazioni riportate!

2. E la carta da forno utilizzata per la cottura dei primi piatti?
Anche in questo caso va conferita nell'indifferenziato, ma attenzione alle informazioni riportate sulle confezioni.

3. Dove si buttano i tovaglioli di carta usati?

Vanno nell'umido, ma solo se sono di carta, se sembrano  di stoffa vanno nell’indifferenziato.

4. Dopo aver comprato frutta e verdura, prima di riporla in frigorifero devo eliminare l'imballaggio?

No, assolutamente. Frutta e verdura vanno riposte in frigorifero nel loro imballaggio, che serve a proteggere questi prodotti e a conservarli meglio. Non bisogna praticare nessun taglio o buco alle confezioni, il prodotto non deve respirare.

5. Una volta aperto un pacco di biscotti, di pane o dolciumi, qual è il modo migliore di conservare questi prodotti?
L'imballaggio serve per proteggere al meglio i prodotti e favorirne una migliore conservazione. Anche in questo caso è importante riporre sempre il tutto nelle confezioni originarie, richiudendole il meglio possibile e utilizzando i supporti indicati o forniti.

6. È sempre necessario leggere le etichette?
Leggere le etichette è molto importante, sia al momento dell'acquisto che successivamente, per avere sempre sotto controllo la data di scadenza e le istruzioni sulla conservazione e l'uso dei prodotti. Non solo, le aziende stanno mostrando sempre più attenzione nei confronti dell'etichettatura volontaria, per dare ai consumatori informazioni maggiori e più semplici sul prodotto e sul corretto  riciclo del pack.

7. Le confezioni di cotechino e zampone sono costituite da diversi involucri. Si getta tutto in un solo contenitore?
Assolutamente no. Bisogna sempre separare la confezione di cartone, che va conferita nella carta, dall'involucro interno che protegge il prodotto.

8. Anche le confezioni di pandoro e panettone sono fatte allo stesso modo. Vale la stessa procedura?
Sì. Prima di gettarle nella raccolta differenziata, le confezioni di pandoro, panettone e torrone vanno separate correttamente: il cartone esterno va conferito nella carta, il sacchetto interno nella plastica.

9. È giusto gettare gli scontrini fiscali dei regali o delle cene al ristorante nel cestino?
Sì. La carta che costituisce lo scontrino fiscale è un tipo di carta chimica, che va conferita nell'indifferenziata.


Grazie a carta e cartone è inoltre possibile dare vita a bellissime decorazioni e illuminazioni natalizie per la casa e il giardino: per scoprire come, sul sito di Comieco sono disponibili simpatici tutorial a tema.

Ulteriori informazioni al link www.clubcartaecartoni.org
Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati