11/12/2020 - 11:42

A Natale armadioverde diventa ancora più sostenibile

Moda sostenibile.

armadioverde anticipa i buoni propositi per il 2021. Nuovi progetti di upcycling in vista, partendo da UPBAG, la Xmas Limited Edition di borse realizzate con tessuti riciclati.

armadioverde borse in tessuti riciclati
armadioverde diventa ancora più sostenibile e non solo per Natale.

Se ne parla da anni, ma mai come nell’ultimo periodo i principi della sostenibilità hanno fatto finalmente breccia mettendo le basi per un profondo ripensamento che porta verso un’innovazione responsabile ispirando nuovi modelli di produzione da un lato e orientando le abitudini del consumatore dall’altro.  

In questo contesto armadioverde, piattaforma re-commerce di moda second hand che conta oggi un community di oltre 600.000 iscritti, non si è fatta di certo trascinare dagli eventi ma si è resa una delle prime aziende italiane promotrici di questa visione quando già, nel 2015, i fondatori David Erba e Eleonora Dellera decisero di sviluppare questo progetto di moda sostenibile pensato per allungare il ciclo di vita di capi e accessori.

Un modello di business, il loro, volto a mettere chiunque nelle condizioni di poter partecipare nel proprio piccolo a un sistema sostenibile che non dovrebbe essere più considerato un trend dell’ultima ora, ma un’attitudine da consolidare. E’ proprio in quest’ottica di una maggiore enfasi nel sostegno all’economia circolare armadioverde apre gli orizzonti a nuove iniziative. 

Ed è UPBAG, così si chiama la capsule collection di borse realizzate con tessuti riciclati dedicata al Natale, a segnare il primo passo di una lunga serie di progetti di upcycling che l’azienda sta già pianificando per il prossimo anno. 
Grazie alla partnership che armadioverde ha con l’organizzazione umanitaria Humana People to People, la produzione è stata possibile con l’essenziale contributo di Beltbag, il marchio di accessori moda ecosostenibili in upcycling della Società Cooperativa Sociale Onlus Occhio del Riciclone.

Per il 2021 armadioverde ha in serbo dunque di allargare le collaborazioni con studenti di istituti di moda e design e con associazioni che operano nel sociale volte ad una sempre maggiore affermazione dello sviluppo di prodotti per la moda riciclati o di upcycling totalmente Made in Italy nel rispetto della “qualità ecosostenibile”, come sottolinea David Erba, CEO e co-fondatore di armadioverde “Finalmente cominciamo a vedere maggiore consapevolezza da parte delle persone. La sostenibilità deve diventare un modo di essere e vogliamo alimentare ancora di più questo approccio virtuoso. In armadioverde i processi sono ormai consolidati. Oggi giorno abbiamo la testimonianza di come la nostra clientela ci percepisca come affidabili e innovativi. E’ su quest’onda che stiamo pensando che sia arrivato il momento giusto per rafforzare il nostro ecosistema con progetti esclusivi e ben selezionati da poter offrire al nostro pubblico che, insieme a noi, contribuisce con piccoli gesti a rendere questo modo migliore.”

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati